Cerca nel sito
Tato, mostra, Roma

L'inventore dell'aeropittura in mostra a Roma

La Camera dei Deputati apre Palazzo Valdina all'aeropittura di Tato

Tato 
CIVITA
Tato - Il 6 Motori su Monti-mare, 1934
Era il 1919 quando il pittore Guglielmo Sansoni, appena tornato dal fronte conosce per la prima volta nella sua Bologna Filippo Tommaso Marinetti, celebre fondatore del Futurismo. L' incontro cambiò per sempre la vita del 23enne pittore bolognese che non solo cambiò il suo nome in Tato ma dopo aver aderito alla poetica del Futurismo in cui velocità e movimento diventavano il fulcro di un linguaggio artistico rivoluzionario, attorno agli anni '30 diventa uno dei Fondatori dell'aeropittura. Si trattava di una innovativa interpretazione e visione del cosmo che trovava nella pittura del volo e nell'estetica del cielo nuove possibilità tecniche ed espressive. Il Futurismo era, infatti, costantemente alla ricerca di rinnovate ispirazioni e il tema aviatorio, affrontato come oggetto principale, permetteva, quindi, un salto di qualità necessario per aerare la fantasia e superare il quotidiano. 
 
La mostra TATO FUTURISTA. Inventore dell’aereopittura fino al 6 dicembre 2019 a Palazzo Valdina nella Camera dei Deputati vuole celebrare l'importante ricorrenza dei cento anni dell’incontro fra Tato e Filippo Tommaso Marinetti. Un momento molto importante nella storia dell'arte italiana poiché innescò la nascita di una declinazione pittorica del futurismo, in cui il mito della macchina e della modernità raggiungeva il suo apice, ponendo come oggetto centrale delle composizioni la velocità dell’aeroplano.
 
Per gli amanti della storia dell'arte a Palazzo Barberini è possibile ammirare le principali scuole pittoriche dal '200 al '700 
 
PERCHE' ANDARE
 
Il percorso espositivo curato da Salvatore Ventura e Cornelia Bujin vuole comunicare, attraverso la visione di alcune opere selezionate di aeropittura di Tato, quell’entusiasmo, quell’emotività e quella forza visionaria di un’epoca, grazie allo sguardo sensibile e geniale di uno dei suoi principali artisti.  Nella mostra le circa ventisei opere tra oli su tela, tempere su carta, dipinti su ceramica e foto originali d’epoca, sono dunque incentrati sulla visione emozionale del paesaggio italiano visto da nuovi e inesplorati punti di vista come gli aerei in volo. L'aeropittura scandiva, infatti, le immagini per piani di colore riproponendo luoghi e paesaggi italiani in prospettiva aerea. 
 
A Roma Santo Stefano Rotondo svela episodi terribili della storia della Controriforma
 
DA NON PERDERE
 
Tra le opere in esposizione si segnalano “Sorvolando in spirale il Colosseo (Spiralata)” 1930 esposto al Guggenheim Museum di New York nel 2014 in occasione della mostra 'ItalianFuturism, 1909–1944: Reconstructing the Universe', “Aeroplani + Metropoli” 1930, “Paesaggio in velocità - scivolamento d’ala” 1930, “Sport” 1930, “Avvitamento” 1930, “Sorvolando Sabaudia” 1934, “Spiralata” 1936, “ Volo notturno” 1936, “Atterrando” 1937, “Sensazioni di volo II tempo” 1929, “Il dirigibile Italia al polo Nord” 1928, “Alba futurista” 1926.
 
TATO FUTURISTA. Inventore dell’aereopittura
Fino al 6 dicembre 2019
Luogo: Roma, Camera dei Deputati, Palazzo Valdina
Info: 06 67601
Sito: www.camera.it
 
 
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Lazio
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati