Cerca nel sito
Madre, Buren, Mostre a Napoli

A Napoli il primo progetto di Buren

 In esposizione al Madre "Comme un jeu d’enfant" il primo progetto in situ dell'artista francese Daniel Buren

Come un gioco da bambini<br>
Photo © DB-ADAGP Paris
Daniel Buren - Comme un jeu d’enfant, travail in situ, MAMCS, Strasbourg, juin 2014. Détail
Il museo MADRE presenta il primo dei progetti che, nel corso del 2015, saranno appositamente commissionati all’artista francese Daniel Buren (Boulogne-Billancourt, 1938) per celebrare la relazione fra il museo e il suo pubblico, tra l’istituzione e la sua comunità. Tra i massimi artisti contemporanei, Buren è autore di un’opera in cui la valenza visiva è sempre associata a quella teorica, e il cui elemento emblematico potrebbe essere riassunto nella sua comprensione e utilizzo della nozione di in situ: espressione con cui l’artista stesso indica la stringente interrelazione fra i suoi interventi e i luoghi espositivi (ma anche urbani) in cui essi sono realizzati.

Leggi anche: LA GRAFICA DI CHAGALL IN MOSTRA AL MARTE

Perchè andare
Questo primo progetto dell'artista, curato da Andrea Viliani ed Eugenio Viola s'initola "Come un gioco da bambini". Si tratta di uno spazio ludico, un vero e proprio gioco di costruzioni a grandezza reale, o un kindergarten (“giardino d’infanzia”) a dimensione ambientale, ottenuto grazie all’assemblaggio di un centinaio di moduli di forme geometriche e colori diversi ispirati ai solidi del pedagogo tedesco Friedrich Wilhelm August Fröbel: sfere, cubi, cilindri in legno che, esaltando le potenzialità conoscitive del gioco rispetto al linguaggio, inducono il bambino alla scoperta partecipata e comunitaria della realtà e delle proprie capacità espressive stimolando facoltà quali percezione, esercizio tattile, costruzione e decostruzione. Il visitatore, inoltrandosi nell’installazione, si ritrova di fronte a una realtà in potenza, che gli permette di ricostruire il mondo intorno a sé con un rinnovato stupore e un’infantile meraviglia.

Leggi anche: METRO DA AUTORE: LE STAZIONI DELL'ARTE

Da non perdere
L’opera è il risultato della collaborazione fra l’artista e l’architetto Patrick Bouchain – si propone in questo modo come un sottile dialogo interiore con l’architettura, che diventa quasi viva, performativa: i visitatori hanno la possibilità di passeggiare all’interno di una città fatta di cerchi ipnotici (su cui appaiono le righe di 8,7 cm che sono il segno ricorrente e distintivo delle opere di Buren), archi colorati, torri cilindriche, basamenti quadrati, timpani triangolari, collocati simmetricamente fra loro, quasi fossero parte dell’architettura stessa del museo, dotandola infine di una sua ipotetica e alternativa potenzialità fantastica e ricostruttiva.

CONSIGLI PER IL WEEKEND

Daniel Buren, Come un gioco da bambini
Fino al 31 agosto 2015
Luogo: Madre, Museo d’arte Contemporanea Donnaregina, Napoli
info: 081 19313016
Sito: http://www.madrenapoli.it/


I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE

*****AVVISO AI LETTORI******  
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook


 + Pizza napoletana, specialità tradizionale garantita

+ I benefici rituali del Monastero di Santa Rosa
Saperne di più su LA MOSTRA DEL GIORNO
Correlati per regione Campania
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati