Cerca nel sito
Sinai Africa Deserto Scoperta Archeologia

Sinai del Nord, scoperto un antico laboratorio navale 

Da sempre la penisola del Sinai ha destato l'attenzione e le fantasie di tanti. Basterebbe pensare alla magia vissuta durante una notte stellata...

Sinai del Nord
iStock
Sinai del Nord
PERCHE' SE NE PARLA
Gli scavi eseguiti nel sito archeologico di Tel Abu Seify, nel Sinai del Nord, hanno riportato alla luce i resti di un edificio in pietra calcarea. Questo un tempo, si pensa al periodo tolemaico e romano, poteva essere un laboratorio, utilizzato per la costruzione e la riparazione di imbarcazioni. Secondo il segretario generale del Consiglio supremo delle antichità, Mostafa Waziri, qui i cantieri navali a secco erano due. Purtroppo, col passare del tempo e a seguito del prosciugamento del ramo del Nilo che attraversava tale area,  il laboratorio perse la sua funzione. Così alcuni reparti del laboratorio furono rimossi e utilizzati nella costruzione di altri edifici. All'interno della struttura sono stati rinvenuti resti di travi in legno, chiodi di diverse dimensioni in bronzo e ferro, vasi di terracotta e lische di pesce.

PERCHE’ ANDARCI 
Da sempre la penisola del Sinai ha destato l'attenzione e le fantasie di tanti. Prima di tutto il profondo significato religioso, poi la posizione strategica, in quanto crocevia di imperi, hanno reso la regione ambita da tanti. Profeti e pellegrini, ma anche conquistatori ed esiliati, ne hanno calpestato le terre sabbiose.

DA NON PERDERE
Si pensi innanzitutto alle meraviglie sottomarine del Mar Rosso. E al divertimento di cui si può godere nelle località balneari del Sinai. Comunque la vera anima del Sinai si può scoprire appena allontanati dalla frenesia costiera. Proprio qui i beduini, tra le cime arruffate e irregolari e l'infinito sabbioso, possono continuare a preservare le loro tradizioni. E se lo visitate in una notte stellata, allora il tutto diventa magia. 

PERCHE’ NON ANDARCI 
Al confine con la Striscia di Gaza si sono verificati recenti e frequenti attacchi terroristici contro postazioni delle forze di sicurezza egiziane e contro luoghi di culto da parte di ben organizzate cellule jihadiste. Si sconsiglia inoltre in modo assoluto l’area settentrionale e centrale della penisola del Sinai.
 
COSA NON COMPRARE 
Se volete un souvenir come si deve, non comprate assolutamente niente dai venditori abusivi che affollano i siti turistici, soprattutto quelli vicini alle piramidi. Subireste in pochi secondi un vero e proprio assalto. E non fatevi fregare: i prezzi effettivi sono molto molto più bassi rispetto a quelli dichiarati.
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per Paese Egitto
  • Egitto, la Piramide di Djoser è salva
    iStock

    Egitto, la Piramide di Djoser è salva

    Considerata la più antica struttura monumentale in muratura del mondo, a Saqqara, fa parte del complesso mortuario realizzato per il re della terza dinastia Djoser
  • Egitto, una nuova tomba a Saqqara
    istockphotos

    Egitto, una nuova tomba a Saqqara

    Il sepolcro di un notabile in straordinario stato di conservazione emerge dal sito archeologico
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100