Cerca nel sito
Ponte Himera Catania Palermo Sicilia

Himera, il ponte del dolore

Destinato alla demolizione il viadotto Himera dopo il crollo e i successivi controlli: bellezza e degrado nei dintorni di Catania.

Catania
Courtesy of ©istockphoto
Catania, barocco, sicilia
PERCHE’ SE NE PARLA In Sicilia si respira paura e rabbia per il ponte Himera, lungo l’autostrada A19 Palermo-Catania, dove hanno ceduto due piloni, colpiti da una frana staccatasi dalla collina adiacente.  “Purtroppo bisognerà demolire entrambe le carreggiate e non una come si ipotizzava inizialmente”, ha sentenziato il ministro per le infrastrutture, Graziano Delrio, dopo il primo sopralluogo. “Oggi ho firmato il provvedimento per l’istituzione di una commissione d’inchiesta per fare luce sul cedimento del ponte Himera in Sicilia”. Un grande ostacolo che provocherà problemi e disagi in questo bellissimo angolo d’Italia.
 
PERCHE’ ANDARCI La forza prorompente dell'Etna, il mare cristallino della costa Ionica, il patrimonio storico e archeologico, il barocco delle chiese e dei palazzi: sono soltanto alcune delle grandi attrattive di questa bellissima terra. Catania sorge sulla costa orientale della Sicilia, ai piedi del vulcano Etna, il monte più alto d'Europa. E offre il suo meglio con i mesi caldi, quando si può godere delle bellissime spiagge  e delle incredibili scogliere.
 
DA NON PERDERE La visita del centro storico di Catania è un continuo alternarsi di scenografie barocche ed edifici moderni: su Via Crociferi ci sono cinque chiese appartenenti a questo antico stile, ma non sono da perdere anche Piazza Duomo e le vie Vittorio Emanuele e Garibaldi. E’ soprattutto la sua dimensione greco-romana ad essere particolarmente interessante: il Teatro Romano del II secolo, l'Odeon del III secolo, l'Anfiteatro, le Terme dell'Indirizzo, quelle della Rotonda e quelle Achilliane, alcune strutture termali, edifici funerari ed i resti di un acquedotto.
 
PERCHE’ NON ANDARCI Tanta bellezza si alterna anche a tanto degrado. Alcune zone non sono raccomandabili, soprattutto dopo il tramonto, anche se centrali. Bellissima città, per carità, ma per un soggiorno fatevi aiutare, per vitto e alloggio, da qualche autoctono a voi stretto. 
 
COSA NON COMPRARE Lavori in ceramica ed in terracotta, in cotto siciliano ed in legno. Anche in pietra lavica, se proprio volete qualcosa di unico. Ma i pupi siciliani no. E neanche i pupazzetti che inneggiano alla mafia. E ne incontrerete tanti…
 
Leggi anche:
*****AVVISO AI LETTORI****** 
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook 
 
Saperne di più su IL LUOGO DEL GIORNO
Correlati per regione Sicilia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati