Cerca nel sito
HOME  / gusto
Prodotti Igp Sicilia ricetta crema di Pomodori secchi di Pachino

Sicilia, tutta la dolcezza del pomodoro ciliegino

Il sapore del Pomodoro di Pachino Igp deriva dalla particolarità dei terreni dell'area sud orientale dell'isola in cui si coltiva. Da provare anche nella versione secca

ortaggio tipico Sicilia<br>
iStock
Pomosori ciliegino
Il pomodoro di Pachino, comune siciliano in provincia di Siracusa, per il suo sapore, la qualità della polpa e per il ricco contenuto di vitamine, ha saputo conquistare il mercato iteliano e quello internazionale. Il Consorzio di Tutela Pomodoro di Pachino Igp è stato recentemente presente tra le eccellenze gastronomiche che rappresentano il sud est del Belpaese. Una presenza declinata attraverso diversi canali: dal racconto della filiera di produzione di questo ortaggio alla valorizzazione del suo territorio di provenienza, segreto delle sue eccezionali qualità organolettiche e nutritive.

Leggi anche: SICILIA: 8 COSE DA SAPERE DELLA CAROTA NOVELLA DI ISPICA

LA TRADIZIONE La coltivazione del pomodoro, e in special modo le varianti “ciliegino” e “a grappolo“, non risale a tantissimi anni fa. Solo nel 1989 per intuizione di un’azienda israeliana specializzata nella produzione di sementi sono state prodotte le due varietà Noemi e Rita, anche se all’inizio le due varianti non furono apprezzate. Con il trascorrere del tempo arrivò l’affermazione sul mercato e il successo sperato, e la coltivazione di questa variante assunse il nome commerciale “Pomodoro Pachino“, oggi conosciuto da tutti. La registrazione IGP del pomodoro di Pachino indica la provenienza del prodotto. Il consumatore è a conoscenza così che con quel nome si può commercializzare esclusivamente quel genere di pomodori.

LA DENOMINAZIONE classifica e tutela ben quattro tipologie diverse di pomodoro, tutte con peculiarità diverse, e destinate a diversi segmenti di mercato. Sono tutte tipologie accomunate da un elevato grado brix, da una straordinaria resistenza post raccolta e da un colore brillante e attraente: Il Pomodoro Ciliegino, Il Pomodoro Costoluto, Il Pomodoro Tondo Liscio e Il Pomodoro a Grappolo.

LE CARATTERISTICHE Il Ciliegino è caratteristico per l'aspetto "a ciliegia" su un grappolo a spina di pesce con frutti tondi, piccoli, dal colore eccellente e il grado brix elevato. Il Costoluto è un frutto di grandi dimensioni, dalle coste marcate, di colore verde molto scuro e brillante, trova il suo habitat naturale nei terreni ad alta salinità. Il Tondo liscio è piccolo e rotondo, di colore verde scuro, inconfondibile per il gusto molto marcato. E' molto apprezzato dai consumatori d'oltralpe. I suoi frutti sono di consistenza ineguagliabile. Il pomodoro a Grappolo o Snocciolato può essere verde o rosso. Tondo, liscio, dal colore brillante e attraente, con il colletto verde molto scuro.Il suo peso varia in base allasalinità del terreno di coltivazione.

Leggi anche: FAVIGNANA, UNA FARFALLA SUL MARE

LA PRODUZIONE La zona di produzione del Pomodoro di Pachino comprende l'intero territorio comunale di Pachino e Portopalo di Capo Passero e parte dei territori comunali di Noto (provincia di Siracusa) ed Ispica (provincia di Ragusa).

Leggi anche: DA PIRANDELLO A IUDICE, IN MOSTRA L’ARTE SICILIANA

LA CULTURA Per gli addetti ai lavori, la sua lunga durata post raccolta lo rende particolarmente prezioso, dato che riesce a resistere ai lunghi percorsi giungendo anche dopo molti giorni dalla raccolta sui mercati europei con tutte le sue qualità inalterate. Da qualche anno poi, alcune ricerche scientifiche hanno fornito un ulteriore “valore aggiunto” a questo ortaggio, ovvero una accertato contenuto di antiossidanti e di vitamine, in misura nettamente superiore ad altri promodori analoghi, che hanno catalizzato l’attenzione degli alimentaristi sul pomodoro di Pachino, consigliato da molti esperti come alimento di particolare valore salutistico e nutritivo.

Leggi anche: A SIRACUSA I LIMONI SONO GIOIELLI IGP

IN CUCINA Data la sua dolcezza si presta ottimamente in insalata a crudo per assaporare pienamente il gusto dolce che lo contraddistingue e non perdere le sue preziose proprietà nutritive. Si presta alla preparazione di innumerevoli piatti freschi, come insalate, paste fredde ma è perfetto anche sulla pizza. Inoltre questo pomodoro gode di molte proprietà benefiche. E' rinfrescante, dissetante, ha effetti diuretici, ricco di licopene e di caroteni, sostante che agevolano il corretto funzionamento dell organismo e lo difendono dai radicali liberi. Contiene una buona dose di vitamina C, ad azione riparatrice e rigeneratrice su tutte le cellule dell'organismo. E' ricco anche di sali minerali, con una funzione equilibratrice e disintossicante.

PRODOTTI TIPICI E RICETTE DAL GUSTO ITALIANO

LA RICETTA Crema di pomodori Pachino Igp secchi. Ingredienti: Gr. 300 di Pomodori Pachino Igp secchi; 2 coste di sedano, Gr. 20 di capperi sotto sale, 1 spicchio d'aglio, 15 di olive verdi, q.b. di olio d'oliva e pepe. Sbollentare in acqua calda, con aggiunta di un 8% di aceto, per 2 minuti i pomodori secchi; dopo asciugare con la carta da cucina. Dissalare in acqua tiepida i capperi e le olive, dopo snocciolare le olive e inserire in un recipiente tutti gli ingredienti e triturarli con un mixer da cucina, fino ad ottenere una crema morbida. Spalmare la crema a piacere sul pane e buon appetito. (pomodori secchi.com)

Altre ricette
Tortelli cremaschi
Costatine di agnello “alla saffrana”
Troccoli alla Burrata di Andria e Pomodori secchi


IL TERRITORIO Pachino è un comune in provincia di Siracusa e il suo nome deriva dal fenicio “pachum” che ha il significato di “guardia”. Secondo altri la parola deriverebbe dal greco “paxus” e avrebbe il significato di “fertile”. Oggi questo nome è strettamente legato a quello del pomodoro ciliegino. I monumenti più importanti ed interessanti sono: la Chiesa Madre SS. Crocefisso che fu edificata nel 1790 per volere del marchese Vincenzo Starrabba. Ha una struttura semplice con una sola navata e una cappella alla destra dell’abside. Da visitare sono anche la Torre Scibini del 1449 fatta costruire da Antonio de Xurtino, la Tonnara di Marzamemi, il Palazzo e la Chiesa della tonnara e il Palazzo Tasca una costruzione dell’800 che ha un particolare cortile pavimentato con basole di pietra calcarea. VISITA PACHINO: VAI ALLA GUIDA
 
Leggi anche:
Il sapore della “porta di Sicilia”
Idee weekend: 5 bontà piemontesi tutte da esplorare
Il pomodoro, elisir di lunga vita (Stile.it)
Melone Pachino
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati