Cerca nel sito
HOME  / gusto
Reggio Emilia Romagna piatto cucina

Reggio Emilia, l'antipasto è a base di erbazzone

Questa torta salata nacque come alimento povero, realizzato con gli avanzi. Il nome dialettale, “scarpazzone”, deriva dall’utilizzo della scarpa della bietola

erbazzone, cucina, Emilia Romagna
©iStock
erbazzone, cucina, Emilia Romagna
Nella terra dei cappelletti in brodo e dei tortelli di zucca, dello gnocco fritto e della torta di riso, c'è un altro piatto che regna: parliamo dell'erbazzone, un alimento ricco, saporito e nutriente, che accompagna i Reggiani sempre, nei giorni infrasettimanali e in quelli di festa. Questa celebre torta rustica rispecchia, dopotutto, le due caratteristiche principali della cucina di Reggio Emilia, ossia semplicità e naturalezza.  Una cucina "povera", perché i suoi prodotti base provengono della terra e dagli animali. 

Scopri le altre tradizioni culinarie dell'Emilia Romagna
 
L’erbazzone nacque quasi certamente come alimento povero, preparato con gli avanzi di cucina. Il nome dialettale “scarpazzone” deriva dall’utilizzo della scarpa della bietola. Ossia la parte più dura. Il piatto è di stagione soprattutto da fine giugno ai Santi, il periodo di crescita delle bietole. Nel corso della storia il piatto si è impreziosito sposando le eccellenze della nostra terra ricca di contaminazioni con culture diverse. La pasta azzima che avvolge il ripieno, ad esempio, la rimanda alla tradizione ebraica: qui la Comunità ebraica era piuttosto numerosa e il forno dove si produsse una tra le più ricercate e antiche varianti dell’Erbazzone di cui si ha testimonianza, si trovava nel ghetto, in via dell'Aquila. 

 
Derivano dall'erbazzone anche le chizze salate e gli erbazzoncini. Le prime sono dei quadretti di pasta sfoglia cotta al forno con il medesimo impasto dell'erbazzone, i secondi sono delle piccole losanghe di pasta, ripiene con lo stesso ripieno e fritte nello strutto, molto simili allo gnocco fritto. Ma come realizzare, quindi, un autentico erbazzone? Ecco i segreti della ricetta originale, perfetta per un ricco antipasto.

Scopri anche i famosi Ciccioli balsamici
 
Ingredienti per il ripieno: 1,5 kg di spinaci o bietole, un mazzo di cipollotti con gambo fresco e verde, una manciata di prezzemolo, 60 g di lardo di prosciutto o pancetta, 4 cucchiai di olio, 50 g di burro, 2 spicchi di aglio, 4 o 5 manciate di Parmigiano Reggiano, sale e pepe q.b.
 
Ingredienti per la pasta: 200 g di farina, una noce di strutto, 2 cucchiai di olio, sale e pepe q.b., acqua tiepida q.b.
 
Ingredienti per la pasta con ricotta: 220 g di farina, 50 g di ricotta, una noce di strutto, 2 cucchiai di olio, acqua tiepida q.b., sale pepe q.b.
 
Preparazione - Sciogliete sul fuoco il grasso di prosciutto aggiungendo l'aglio schiacciato e i cipollotti che avrete, anch'essi, tritati insieme ai gambi. Aggiungete olio e burro e, dopo che i cipollotti si saranno appassiti senza bruciacchiarsi. Unite gli spinaci che avrete in precedenza lessati e strizzati. Lasciate insaporire con sale e pepe. Quando il tutto si sarà raffreddato, togliete l'aglio, aggiungete il prezzemolo tritato finemente e il Parmigiano Reggiano. 
 
Preparate la pasta e, fatta riposare per mezz'ora, dividetela in due due parti. Tirate una parte con la cannella, adagiatela nello stampo oliato e versate il pesto. Tirate l'altra parte più sottile della prima, infarinatela e avvolgetela nella cannella pure infarinata: stringete le due estremità della pasta verso il centro del mattarello e lasciate scivolare la pasta increspata sul pesto. Dopo averla accuratamente bucherellata, mettete il tutto nel forno a 200°. Lasciate per circa mezz'ora; a pochi attimi dalla completa cottura ungete la superficie con un pezzo di lardo. Rimettete nel forno e togliete dopo pochi minuti, l'erbazzone è pronto.
 
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati