Cerca nel sito
HOME  / gusto
ciliegia bella di garbagna piemonte alessandria prodotti tipici ricette

Piemonte: a Garbagna le ciliegie più Belle

Nonostante il calo di produzione degli ultimi 30 anni, la prelibata varietà dell'Alessandrino rappresenta ancora un vanto della gustosa  tradizione locale

ciliegie sotto spirito vasi di vetro sciroppo frutta alcol
©gkrphoto/iStock
Vasi di ciliegie sotto spirito
Sotto spirito, in marmellata o, semplicemente, così come sono le ciliegie Belle di Garbagna sono una vera prelibatezza dalla tradizione lunghissima (riconosciuta e tutelata anche dalla Fondazione Slow Food) che rende il suggestivo paesino della provincia di Alessandria, di recente entrato a far parte del circuito dei Borghi più Belli d'Italia, particolarmente interessante anche per gli amanti del turismo gastronomico.

LA TRADIZIONE Non più tardi di 30 anni fa Garbagna, una piccola località della provincia di Alessandria, poteva a tutti gli effetti essere considerata il paese delle ciliegie. Erano tante le varietà che vi si coltivavano e tra le pistoiesi e le grisone (più tardive), spiccavano le Belle, perfette per la conservazione sotto spirito. La loro produzione coinvolgeva l'intera comunità e se nel mese di maggio era diffusa l'usanza di organizzare una suggestiva passeggiata all'ombra dei ciliegi in fiore, il mese di giugno era quello del raccolto, durante il quale tutti fornivano il proprio contributo. Con i loro alberi alti e vigorosi, infatti, le Belle di Garbagna potevano essere raccolte soltanto manualmente, come del resto avviene ancora oggi, ed allora i più giovani si arrampicavano sulla pianta, mentre i più anziani reggevano da sotto le lunghe scale a pioli. Una volta a terra, si procedeva alla selezione dei frutti migliori che venivano immediatamente confezionate in cassette dai bordi bassi. Oggi, però, purtroppo, a causa della sua delicatezza, che la porta a spaccarsi con l'umidità, la Bella di Garbagna non gode più della fama di un tempo e, a partire dagli anni '80 dello scorso secolo, ha subito un progressivo abbandono da parte di numerosi produttori, scalzata da varietà più resistenti e, dunque, più adatte all'impiego in pasticceria dove si utilizzano soltanto frutti integri e senza difetti.

LA DENOMINAZIONE La Ciliegia Bella di Garbagna può essere, dunque, ormai considerata un prodotto di nicchia ma le sue caratteristiche di eccellenza ed il legame indissolubile con la terra di origine le sono valse l'inserimento nell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) oltre che il riconoscimento come Presidio Slow Food.

LE CARATTERISTICHE Ciò che distingue la Bella di Garbagna dalle altre varietà è il durone rosso brillante dotato di un picciolo medio lungo. La sua croccantezza e la sua dolcezza la rendono ideale per la conservazione sotto spirito.

LA PRODUZIONE Il periodo del raccolto, ancora oggi effettuato rigorosamente a mano, si concentra, dunque, tra la fine del mese di maggio e il mese di luglio. Se un tempo la produzione si attestava su diverse migliaia di quintali l'anno, oggi, a causa della sua delicatezza e dell'abbandono da parte di numerosi produttori, non supera i 40 quintali delle stagioni migliori.

LA CULTURA Un tempo il raccolto della Bella non era una faccenda di poco conto. L'intera famiglia veniva coinvolta e chi aveva più alberi doveva persino ricorrere a raccoglitori che venivano da fuori il cui compenso veniva pagato in natura con la cessione di ben metà del raccolto.

IN CUCINA La dolcezza e la consistenza rendono questa ciliegia particolarmente adatta alla conservazione sotto spirito. Si mantiene, infatti, a lungo nell'alcol senza perdere sapore e croccantezza e per questo è ideale anche come farcitura per i Boeri, per la cui produzione era un tempo molto richiesta. E' ottima anche trasformata in confettura o come ingrediente per la preparazione di inebrianti liquori.
La ricetta: Ciliegie sotto spirito. Ingredienti: Un chilo di ciliegie, 150 grammi di zucchero, un litro di alcol puro ad almeno 90° (meglio 95), chiodi di garofano, una stecca di cannella per ogni vasetto che riempirete. Lavate accuratamente le ciliegie, asciugatele e tagliate il picciolo a metà. Inseritele in vasi di vetro a chiusura ermetica sistemandole in modo che rimanga meno spazio possibile tra un frutto e l'altro, ed aggiungete, anche, una stecca di cannella e qualche chiodo di garofano. Preparate uno sciroppo facendo sciogliere lo zucchero nell'alcol e versatelo nel vaso fino a coprire le ciliegie, poi chiudete il contenitore. Prima di consumare, fate riposare per almeno 40 giorni (meglio due mesi). Per donare un aroma più particolare alle ciliegie, potete sostituire l'alcol puro con bevande alcoliche come grappa, vodka, brandy o maraschino, e se desiderate poter bere il liquido potete sostituire un terzo dell'alcol o del liquore con dell'acqua, facendola lievemente stiepidire in un pentolino prima di preparare lo sciroppo con lo zucchero.

Altre ricette:
Brodetto alla pescarese
Spumette di Nocciola di Giffoni
Cherry Brandy

IL TERRITORIO Adagiato sulle colline tortonesi, Garbagna è un piccolo borgo di qualche centinaio di abitanti in provincia di Alessandria. Le sue bellezze architettoniche e paesaggistiche ne hanno decretato l'inserimento, a partire dal 2015, nella lista dei Borghi più Belli d'Italia già alla prima candidatura, a riprova del valore del patrimonio storico e naturalistico che custodisce. Da non perdere una passeggiata per le vie del centro alla scoperta della Contrada e dei suo scorci pittoreschi, una sosta nella rinascimentale Piazza Doria al cospetto dell'omonimo palazzo e dell'Oratorio di San Rocco, oltre che una visita alla chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista Decollato, al Santuario della Madonna del Lago, raggiungibile attraverso una piacevole passeggiata nel bosco, e alle vestigia del Castello medievale che domina l'abitato da una magnifica posizione panoramica.

Leggi anche:
Piemonte: Tortona profuma di fragole
Tortona: un San Valentino al Bacio (di Dama)

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE


Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati