Cerca nel sito
HOME  / gusto
Carnevale Tempiese 2017 Tempio, Sassari

Carnevale Tempiese, storia e sapore di Sardegna

Frittelle e buon vino in attesa del vincitore del carro allegorico dell'edizione 2017

maschere tradizionali Sardegna
iStock
Maschere tradizionali Sardegna
Il carnevale a Tempio e nella Gallura in generale, ha origini antiche. La figura di Re Giorgio, re del Carnevale Tempiese risale addirittura all’epoca pre romanica, quando alla divinità Giorgi venivano offerti sacrifici in cambio di raccolti favorevoli. Giorgi infatti viene sacrificato per fecondare la terra.
 
TEMPIO: UN CARNEVALE PRE ROMANO 
 
A Tempio, piccolo paesino in provincia di Sassari, è sopravvissuto il nome del re divinizzato Gjolgju. In questo luogo ricco di tradizioni, il peridoo carnevalesco dura circa due mesi, in corrispondenza della stagione in cui la terra è a riposo e i lavoratori possono “rilassarsi”, ballare, bere, mangiare fino alla ripresa delle attività. L’Epifania sancisce l’inizio del Carnevale, ma è soprattutto nei sei giorni conclusivi che si raggiunge l’apice della festa.
 
 
CARNEVALE TEMPIESE: SEI GIORNI DI FESTA 
 
La grande festa di popolo si concluderà giovedì 2 marzo. Ad aprire le danze il primo corteo mascherato con l'ingresso in città di Sua Maestà Re Giorgio, la sua  Corte, gli Ambasciatori, la rievocazione storica-musicale del “Carrasciali Timpiesu", la Mascara Gadduresa, le Carrascialine, Miss Carnevale, orchestre e majorettes. Nove carri in concorso, realizzati dai maestri carrascialai. Durante la sei giorni in tutti i ristoranti cittadini si potranno gustare i piatti tipici del Carnevale.
 
 
Frittelle e brighelle, i tipici dolci fritti e cosparsi di miele. Le varianti sono moltissime, ma ciò che è comune a tutti è la base di "pasta violata", composta di farina di grano duro, acqua e strutto che viene lavorata fino a diventare liscia, elastica e quasi bianca. La frittura di questi dolci avveniva tradizionalmente nello strutto, oggi pressoché ovunque sostituito con olio; poi, una volta scolati, ma ancora ben caldi, vengono cosparsi (o immersi) con miele o, in alcuni casi, spolverati con zucchero a velo. Frittelle e buon vino accompagneranno la festa fin dalle ore 11,00 del mattino nelle due location di Piazza Don Minzoni e di Piazza d'Italia. 
 
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100