Cerca nel sito
HOME  / gusto
Prodotti Dop Sicilia ricetta insalata con Ficodindia di San Cono

Bianco, rosso e giallo: tutti i colori del Ficodindia di San Cono

Sicilia: nelle vallate alle pendici delle colline catanesi nasce un frutto ricco di sali minerali apprezzato per il gusto fresco da abbinare anche alle insalate estive

frutto tipico sud italia<br>
iStock
Fichidindia
Di forma ovoidale, il Ficodindia di San Cono, paesino in provincia di Catania, si riconosce per le sfumature dal verde al giallo-arancio della buccia e per la polpa carnosa di colore rossastra caratterizzata da un sapore dolce e fresco. È un frutto simbolo dell’estate, che sprigiona i sapori dei terreni dotati di caratteristiche pedoclimatiche particolari, quali l’altitudine e la conformazione orografica. San Cono viene definito come il polo produttivo più importante della fichidindicoltura siciliana.
 
Leggi anche: A PALERMO IL COCOMERO CHE SEMBRA UN GELATO

LA TRADIZIONE La pianta venne importata alla fine del XVI secolo dall’America creduta erroneamente  “le Indie”, per questo venne chiamato “ficodindia”. Lo conferma anche lo storico Denis Mack Smith (Londra 1920). In “History of Sicily - Medieval Sicily 800-1713” del 1968 afferma: «...alla fine del sedicesimo secolo in Sicilia, gli spagnoli introdussero alcune nuove e importanti piante come il pomodoro dal Perù, mais e tabacco dal Messico. Quello più comunemente usato era il ficodindia proveniente dall’America Tropicale (Indie occidentali, secondo C. Colombo)». Grazie al forte radicamento della popolazione rurale nell’area di produzione considerata, con tutta la sua tradizionale esperienza, con le sue capacità colturali tramandate da generazione in generazione, con la continua ricerca e messa in atto di tradizionali e specifiche tecniche colturali, si sono determinate le condizioni affinché la coltivazione del Ficodindia di San Cono si consolidasse nel tempo, fino ad oggi, come un patrimonio storico-tradizionale e culturale di tutto il territorio oltre che come fondamentale risorsa economica.

LA DENOMINAZIONE Il Ficodindia di San Cono ha ricevuto nel 2013 la Dop riservata ai frutti provenienti dalle seguenti cultivar della specie «Opunzia Ficus Indica», «Surfarina» detta anche «Gialla» o «Nostrale» - «Sanguigna» detta anche «Rossa» - «Muscaredda» o «Sciannarina» detta anche «Bianca». E’ ammessa anche una percentuale non superiore al 5 % degli ecotipi locali delle selezioni di «Trunzara». Il 17 settembre 2014 si è costituita a San Cono l'Organizzazione di Produttori denominata "Ficodindia di San Cono".
.
Leggi anche: SICILIA, SAPORE DI MARE E DI SALE IN CUCINA

LE CARATTERISTICHE Grandi dimensioni dei frutti, la buccia dai colori intensi e vivi, un profumo molto delicato e un sapore molto dolce. La dolcezza e le dimensioni del ficodindia, rispetto ad altre zone di produzione siciliane, risultano essere importanti parametri distintivi poiché correlati alla tipicità della zona geografica.

LA PRODUZIONE La zona di produzione del Ficodindia di San Cono comprende il territorio posto ad altitudine compresa tra 200 e 600 metri s.l.m., dei Comuni di San Cono (CT), San Michele di Ganzaria (CT), Piazza Armerina (EN e Mazzarino (CL).

Leggi anche: SICILIA, LA “PAGNOTTA DI CASA” DOP

LA CULTURA Uno dei momenti di notevole importanza, per il paese di San Cono (CT), è la Sagra del Ficodindia che dal 1984 celebra, ogni anno nel mese di ottobre, il frutto tipico sanconese, detto il "bastardone". La ficodindicoltura è ormai diventata l’attività economica di punta, tanto che San Cono è oggi definito come la “capitale del ficodindia”.

Leggi anche: IL SAPORE PUNGENTE DEI FICHIDINDIA CALABRESI

IN CUCINA Il frutto si consuma preferibilmente fresco e va servito sbucciato. Viene però anche utilizzato per preparare macedonie, confetture e liquori. Tra le più importanti proprietà del ficodindia di San Cono, quella depurativa, ottima per aiutare l’espulsione dei calcoli renali, e quella coadiuvante nella cura dell’osteoporosi grazie alla quantità di ferro, calcio e fosforo contenuti in questo frutto. Il ficodindia è inoltre indicato anche quale integratore nelle diete dimagranti per il suo grande apporto di fibre, che danno un senso di sazietà, e come reidratante e rivitalizzante per chi svolge attività fisica intensa, sia sportiva che lavorativa.

PRODOTTI TIPICI E RICETTE DAL GUSTO ITALIANO

LA RICETTA Insalata fresca con Ficodindia di San Cono. Ingredienti per 4 persone: 300 g di insalata mista (fresca di stagione) 4 fichidindia di San Cono; 50 g di gherigli di noci; il succo di un limone; sale, pepe, olio extra vergine q.b. Pulite i fichidindia, privateli della buccia e tagliateli a fette abbastanza grandi. In una ciotola capiente mettete il misto di insalate, le fette dei frutti, le noci leggermente tritate e condite abbondantemente il tutto con un'emulsione di limone, olio extra vergine di oliva, sale e pepe.

Altre ricette
Marmellata di fichi d'India
Troccoli alla Burrata di Andria e Pomodori secchi
Crostate di Albicocche del Vesuvio


IL TERRITORIO Il comune di San Cono, in zona collinare, si trova all'estremità occidentale della provincia di Catania. Possiede una forma irregolare, estendendosi a nord sul pendio del monte San Marco, per arrivare a sud nelle contrade Piana e Albanisa. Il paese è diviso idealmente in due parti, San Cono superiore e San Cono inferiore (detti, nel gergo popolare, muntata e pinninu). Vi sono cinque quartieri: quartiere della "Piazza", nella parte centrale del paese; quartiere del "Crocifisso", nella parte più alta, così chiamato perché sede della Chiesa del Crocifisso; quartiere della "Creta", nella parte nord-occidentale, detto così per via della zona argillosa su cui sono state costruite le abitazioni; quartiere "Milicuccu", risalente a dopo la seconda guerra mondiale, che prende il nome dagli alberi di melicucco (nome dialettale per il bagolaro) che vi si trovavano e il quartiere della "Forca", uno dei più antichi, dove in origine si trovava la forca, segno del potere feudale. Oggi al suo posto vi sorge un monumento alla Croce. VISITA LA SICILIA: VAI ALLA GUIDA
 
Leggi anche:
Niscemi, San Giuseppe tra religione, folclore e divertimento
La Sicilia di Dolce e Gabbana
Siracusa: i tesori imperdibili sull’isola di Ortigia
Sicilia da Mille e una notte
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Natale
Monumenti nelle vicinanze
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati