Cerca nel sito
HOME  / cuore
rieti lazio borghi itinerari romantici paganico sabino

Lazio, a Paganico Sabino romantiche suggestioni vista lago

Il borgo della provincia di Rieti è uno dei più antichi della Valle Turanense

paganico sabino rieti lago di turano
Courtesy of ©Steen henriksen/Wikimedia Commons CC BY 2.0
Il Lago del Turano visto da Paganico Sabino
Una cornice paesaggistica di rara bellezza, un borgo medievale ricco di scorci caratteristici, una storia affascinante che, quando si cerca di risalire alle origini, si fa quasi misteriosa. Tutto questo rende il borgo di Paganico Sabino un luogo incantevole, perfetto per un weekend di relax e di tranquillità da condividere con una persona speciale. Adagiato nel verde dei Monti Carseolani a 720 metri di altitudine, questo borgo della provincia di Rieti, che ha mantenuto inalterato il tipico aspetto del castrum medievale, è uno dei più antichi della Valle Turanense e domina dall'alto in una posizione privilegiata il bel Lago del Turano regalando gli scenari mozzafiato che rappresentano il punto di forza della località.

A separarlo dalla vicina Ascrea si aprono le profonde Gole dell'Obito mentre quello che, presumibilmente, fu il sito dell'antica rocca si specchia nelle acque del lago. Oggi la rocca non esiste più ed al suo posto si erge la Parrocchiale di San Nicola il luogo più alto del borgo nonché quello verso cui si arrampicano tutte le caratteristiche stradine del paese, come nelle piante tipiche dei castrum medievali. Che Paganico Sabino sia uno dei borghi più antichi della valle è testimoniato dalla menzione nel Regesto Farfense sin dall'852. Ma secondo le ricostruzioni di alcuni storici le sue origini sarebbero ben più antiche, risalenti probabilmente ad epoca romana. La teoria sarebbe testimoniata dal nome stesso della località che deriverebbe dal termine latino "paganicum", un toponimo generalmente associato ai villaggi nati dagli insediamenti romani o in prossimità di resti di quel periodo. In particolare, Orsini, nel 1935, identificò l'area di edificazione di Paganico con quella dell'antica Falacrine, patria di Vespasiano.

Sebbene il centro storico non presenti un elevato numero di siti architettonici di rilievo, il suo intero insieme contribuisce a creare un'affascinante atmosfera d'altri tempi che rende la visita un'esperienza davvero interessante. E' un piacere passeggiare per le strette vie del paese e godere del magnifico panorama ed è altrettanto piacevole scoprire i suoi luoghi più significativi tra i quali si distinguono la bella Parrocchiale di San Nicola che sorge, appunto, con ogni probabilità, laddove un tempo c'era la rocca, la chiesa di San Nicola e quella di Santa Maria dell'Annunciazione che custodisce, al suo interno, un affresco del XVI secolo raffigurante la Crocifissione ed un ciclo pittorico recentemente riscoperto.

Leggi anche:
Gli scorci più romantici di Rieti
Rieti brilla con la Festa del Sole

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU' BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su CUORE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100