Cerca nel sito
Varese attrazioni Villa Panza collezione d'arte

Varese, la collezione d’arte in giro per il mondo

Villa Menafoglio Litta Panza, ristrutturata dal FAI, è una dimora settecentesca che ospita una delle più alte testimonianze culturali della seconda metà del Novecento

Facciata, vialetto e fontana di Villa Panza<br>
© Wikipedia
Veduta di Villa Panza con fontana
Quando si visita la Collezione di Villa Panza per la prima volta non si può non restare colpiti dai sorprendenti accostamenti tra le opere d'arte contemporanea esposte, i ricchi arredi del periodo XVI – XIX secolo e l'importante raccolta d'arte africana e precolombiana. Sono i tesori di questa dimora immersa in uno splendido parco di 33 mila metri quadrati, Villa Menafoglio Litta Panza, che si affaccia sulla città di Varese dal colle di Diurno Superiore. Edificata intorno alla metà del Settecento, rimaneggiata e con vari passaggi di proprietà, nel 1823 venne acquistata dal Duca Pompeo Litta Visconti Arese che ne fece ridisegnare il parco all’inglese con vaste zone verdi e luoghi romantici e fece costruire un nuovo Salone di rappresentanza, oltre all’ala dei rustici destinata alle scuderie e alle carrozze.

Leggi anche: VILLA DEI VESCOVI, INCANTO TRA I COLLI EUGANEI

Altri radicali interventi vennero effettuati ad opera di Ernesto Panza di Biurno che, dopo un periodo di abbandono, nel 1935 acquistò il complesso e lo lasciò ai suoi 4 figli. Tra questi fu Giuseppe Panza che più di tutti l’abitò ed è grazie a lui che si deve la collezione di arte contemporanea. Dal 1996 la proprietà passò al FAI con l’intento di consegnare intatta ai posteri non solo l’abitazione, ma tutto il vasto patrimonio artistico in essa raccolto, oggi riconosciuto come una delle più alte testimonianze culturali della seconda metà del Novecento. Il complesso, aperto al pubblico nel 2000 dopo una campagna di restauri, ospita anche mostre a livello internazionale.

Leggi anche: TORBA, IL MONASTERO DELLE LEGGENDE

Fu dal 1956 che Giuseppe Panza, rientrato da un viaggio in America, inizia a raccogliere opere d'arte contemporanea identificando un gruppo ristretto di artisti, ancora sconosciuti al grande pubblico, e acquistando più lavori possibili con l'intento di darne una visione completa e approfondita. Le sue scelte si sono basate unicamente su uno straordinario intuito e su una necessità di bellezza e spiritualità, qualità che contraddistinguono non solo le opere selezionate, ma anche la loro armoniosa collocazione nella cornice architettonica della Villa.

Leggi anche: I TESORI D'ITALIA MENO NOTI FINALMENTE RACCHIUSI IN UN LIBRO

Sono stati tanti gli artisti contemporanei invitati a trasformare alcune stanze del complesso, in particolare gli ambienti delle scuderie e dei rustici, arricchendo anno dopo anno la collezione che ha iniziato ad essere conosciuta in tutto il mondo, divenendo meta di studiosi e appassionati. Oggi è possibile ammirare la ricerca di Dan Flavin, di cui la Collezione Panza vanta la più grande concentrazione di opere perennemente esposte, la poetica di James Turrell e Robert Irwin e le numerose tele monocromatiche e altre opere di artisti come Phil Sims, David Simpson, Ruth Ann Fredenthal, Max Cole, Maria Nordman, Martin Puryear, Ford Beckman, Ross Rudell, Alfonso Frateggiani, Ettore Spalletti, Lawrence Carroll, Stuart Arends, Allan Graham, Winston Roeth.

Guarda le foto:  I 10 IMPERDIBILI MUSEI DEL MONDO

La collezione Panza conta circa 2.500 pezzi che comprendono anche opere e installazioni rinomate in tutto il mondo, parzialmente distribuite tra i più importanti musei internazionali, dal Guggenheim di New York al Museo d'Arte Contemporanea (MOCA) di Los Angeles al Museo Cantonale d'Arte di Lugano. Nelle splendide sale dell'ala padronale i loro lavori sono mirabilmente accostati a mobili di alta epoca e ad opere d'arte africana e precolombiana, altre passioni del collezionista milanese.

Da non perdere a Varese il MUSEO TATTILE: DOVE "VIETATO TOCCARE" NON ESISTE

Informazioni
Villa e Collezione Panza
Piazza Litta, 1, Varese
Tel. 0332 283960
Fax 0332 498315
E-mail: faibiumo@fondoambiente.it

Apertura
Il 26,27,28 dicembre 2014; il 2,3, 4 gennaio 2015 e dal 6 gennaio 2015 in poi saranno aperte al pubblico le seguenti aree:
Parco
Primo piano ala nord (collezione permanente della Villa)
Rustici (con le opere storiche di Dan Flavin e gli ambienti di Robert Irwin e James Turrell della Collezione Panza).
Scuderie: per tutti i visitatori sarà possibile accedere al Ganzfeld di James Turrell e  vedere lo Scrim 2013 di Robert Irwin. Due opere straordinarie realizzate appositamente per la  mostra AISTHESIS – All’origine delle sensazioni appena conclusa.
Tutte le altre sale della villa rimarranno chiuse per permettere l’allestimento della nuova mostra
Orari
Dalle 10 alle 18 con orario continuato
Ultimo ingresso: 45 minuti prima della chiusura.
Biglietti
Adulti: € 9,00
Bambini (4-14 anni): € 5,00
Parco e mostra Art in Nature/ATTO I: € 3,00
Studenti universitari fino ai 26 anni: € 5,00
Iscritti FAI e soci National Trust: ingresso gratuito alla collezione permanente. E' richiesto un contributo per le mostre temporanee in corso.
Residenti comune di Varese: ingresso gratuito al parco ogni martedì
Pacchetto famiglia: € 24,00
Consente l’ingresso con tariffe ridotte per i gruppi famigliari composti da 2 adulti e 2 bambini (4 – 14 anni). A partire dal terzo bambino, ogni ingresso è gratuito.
In caso di manifestazioni e mostre il prezzo può variare.
Visite guidate
Si organizzano visite guidate per gruppi su prenotazione (gruppo max 25 persone)

*****AVVISO AI LETTORI******  
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Lombardia
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati