Cerca nel sito
Pisa monumenti Unesco Italia Piazza dei Miracoli

Pisa da Unesco: cosa rende Piazza del Duomo così speciale

Tripudi architettonici di straordinaria bellezza che celano qualche curiosità: Piazza dei Miracoli

Piazza dei Miracoli, Pisa
©iStockphoto
Cattedrale, Battistero e Torre Pendente di Pisa
E’ indubbiamente una delle più affascinanti piazze del mondo, non a caso entrata a fare parte dei Patrimoni dell’Unesco nel 1987. Piazza Duomo, meglio nota come Piazza dei Miracoli, non solo è il luogo di interesse artistico più noto di Pisa, ma anche uno dei più conosciuti al mondo grazie alla celebre Torre Pendente. Oltre ad essa vi si affaccino il Battistero, la Cattedrale e il Camposanto, luoghi che simboleggiano le varie fasi della vita religiosa cittadina che Gabriele D’Annunzio, nel suo romanzo Forse che si, forse che no, ha ribattezzato “miracoli”. La piazza è stata scelta come sede della Chiesa pisana fin dalle sue origini, che si attestano a prima della pace costaniniana del 3131. Gli edifici sacri più antichi vennero smantellati con il passare del tempo e i monumenti che fanno oggi bella mostra di se risalgono ai secoli centrali del Medioevo, nel periodo in cui Pisa era al massimo dello splendore grazie alle vittoriose imprese marinare ed affermava la propria supremazia non solo in ambito regionale ma anche internazionale.

Per soggiornare a Pisa consulta 10 alberghi suggeriti da Consigli.it: "10 strutture per tutte le tasche"

I monumenti di Piazza dei Miracoli sono la testimonianza dello spirito creativo del XIV, quindi, e costituiscono una tappa fondamentale nella storia dell’architettura medievale. Sono un esempio artistico unico di disegno spaziale e a loro interno sono ospitati tesori d’arte famosi in tutto il mondo. La Cattedrale, capolavoro del romanico pisano, venne fondata nel 1064 e nella sua facciata le epigrafi celebravano le principali imprese marinare. Il Battistero di San Giovanni, fondato nel 1152, è noto anche per essere stato di cornice al battesimo di Galileo Galilei nel 1564: venne edificato per ricordare il primo evento della vita dei cristiani. La presenza di stile romanico e stile gotico indica che l’edificio è stato realizzato in più riprese. La bellezza del Campanile va ben al di là della particolarità della pendenza, che comunque rimane una sfida alle leggi della statica. Si tratta anche di un edificio unico nel suo genere sia per l’alto valore storico artistico delle forme che per la sua particolare collocazione defilata rispetto alla Cattedrale.

Scopri anche Pisa: tesori da scoprire al Camposanto

Il Camposanto Monumentale, con il suo straordinario chiostro quadrangolare dalla facciata marmorea, chiude a nord la Piazza. Venne fondato nel 1277 per accogliere i sarcofagi di epoca romana che erano sparsi attorno alla Cattedrale per poi, dal Cinquecento, ospitare i sepolcri dei più prestigiosi docenti dell’Ateneo Pisano e dei membri della Famiglia dei Medici, dominatori della città. Una curiosità legata alla Cattedrale vuole che Galileo Galiei, osservando l’oscillazione dei candelieri bronzei creati da Battista Lorenzi, scopri a 19 anni la teoria dell’isocronismo delle oscillazioni, che lo portarono poi a formulare i lavori sulla dinamica: dal campanile condusse gli esperimenti che gli servirono per le leggi che governano la caduta dei gravi. Per questo due dei principali edifici della razza sono associati ad uno stadio decisivo della storia della fisica.  

Scopri anche La Pisa dei romantici: hotel e quartieri più suggestivi
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Toscana
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati