Cerca nel sito
Fotografia, mostre, Italia

Le migliori rassegne di fotografia in Italia

Dalla street photography di Vivian Maier alla storia dell'amicizia tra Wharhol e Basquiat passando per i selfie tipici dei nuovi linguaggi visivi. 

Ritorno
© Gian Maria Tosatti
Gian Maria Tosatti - Sette Stagioni dello Spirito, 4-Ritorno
In virtù del grande successo di pubblico e dell’ottimo riscontro di critica, la mostra “Vivian Maier. Nelle sue mani”, ospitata dall’Arengario di Monza, è stata prorogata fino al 29 gennaio. L'esposizione è dedicata agli scatti di una singolare e affascinante figura di artista, recentemente ritrovata e definita una delle massime esponenti della cosiddetta street photography. Curata da Anne Morin, la mostra nasce dal desiderio di rendere omaggio a questa straordinaria artista che mentre era in vita ha realizzato un numero impressionante di fotografie senza farle mai vedere a nessuno, come se volesse conservarle gelosamente per se stessa.
 
Dopo le esposizioni di Frida Kahlo e David Bowie, il Mantova Outlet Village continua a promuovere al suo interno, grandi eventi di carattere artistico come le mostre d'arte. Fino al prossimo 5 marzo è infatti possibile visitare la la mostra fotografica “Andy Warhol a Jean-Michel Basquiat. Dalla Pop Art alla Street Art” che mette in stretta relazione Andy Warhol e Jean-Michel Basquiat  due grandi artisti del Novecento americano. 
 
E' stato inaugurato con la mostra "Give Me Yesterday" il nuovo spazio espositivo della Fondazione Prada dedicato alla fotografia e ai linguaggi visivi. Si tratta di "Osservatorio" che vuole essere un luogo di esplorazione e indagine delle tendenze e delle espressioni della fotografia contemporanea, della costante evoluzione del medium e delle sue connessioni con altre discipline e realtà creative. Ospitato al quinto e sesto piano di uno degli edifici centrali, Osservatorio si trova al di sopra dell'ottagono, al livello della cupola in vetro e ferro che copre la Galleria realizzata da Giuseppe Mengoni tra il 1865 e il 1867. 
 
E' il momento culminante di un progetto triennale che ha coinvolto l’artista e Napoli, la quale è stata esplorata attraverso opere, installazioni e scenografie ispirate alle sette stanze dell’animo umano. Si tratta della mostra fotografica, curata da Eugenio Viola, “Sette stagioni dello spirito” che al museo MADRE, vuole ricostruire il percorso “dietro le quinte”del progetto di Gian Maria Tosatti permettendo al pubblico di ripercorrerlo nella sua articolazione complessiva e raccontandone la dimensione intima.  
 
 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per territorio
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati