Cerca nel sito
Brescia monumenti Abbazia di San Nicola affreschi Gambara

Franciacorta: arte cinquecentesca da scoprire

In provincia di Brescia l’Abbazia olivetana di San Nicola è un complesso religioso di grande rilevanza spirituale ed artistica: l’antirefettorio è uno dei capolavori di Lattanzio Gambara

Abbazia di San Nicola, dettaglio affreschi<br>
© Wikipedia
Lattanzio Gambara, affreschi Abbazia di San Nicola
Lattanzio Gambara, pittore bresciano e decoratore vivace della prima metà del Cinquecento che ha tratto ispirazione dal manierismo lombardo, studiò con Giulio Campi e con il Romanino, e con questo collaborò agli affreschi mitologici di palazzo Averoldi a Brescia. Tra le sue opere bresciane di notevole interesse sono gli affreschi mitologici, solo parzialmente conservati, delle case del Gambero e della sua casa in via dietro Vescovado; quelli nel palazzo del Comune; la Natività dei SS. Faustino e Giovita.

Leggi anche: IL RINASCIMENTO BRESCIANO

C’è però anche un’altra monumentale opera che vede la firma di Lattanzio Gambara, a poca distanza da Brescia: si tratta dell’Abbazia olivetana di San Nicola a Rodengo Saiano, in Franciacorta. E’ un complesso religioso di grande rilevanza spirituale oltre che di notevole interesse storico artistico. La sua origine risale ai Benedettini Cluniacensi e alla fine del Trecento venne trasformato in commenda, passando poi nel 1446 agli Olivetani che tra il 1450 e il 1534 ricostruirono e abbellirono gli edifici chiamando i migliori artisti bresciani, tra cui il Gambara. Sulla facciata si possono ammirare un elegante portale, un protiro e una decorazione ad archetti in ceramica colorata oltre alla settecentesca finestra centrale. L’interno, ad una navata, presenta una decorazione ad affresco su volte e pareti. Il secondo altare di sinistra ospita un’importante tela del Moretto, del 1545: interessanti sono anche gli stalli del coro intarsiati nel 1480 da Cristoforo Rocchi e gli affreschi della volta della sagrestia, opera di Gian Giacomo Barbelli. Dalla sagrestia si passa al Chiostro della Cisterna di epoca tardorinascimentale da cui si accede alla Sala del Capitolo che ospita un Cristo Risorto di Pietro da Marone e all’antirefettorio affrescato da Lattanzio Gambara.

Leggi anche: TORBA, IL MONASTERO DELLE LEGGENDE

E’ soprattutto qui che si ha una piena assimilazione dei modi pittorici del manierismo settentrionale che pervadono gli affreschi del Gambara: il programma decorativo che si dispiega sul soffitto dell’antirefettorio probabilmente era stato concordato nei dettagli con i committenti olivetani. Il tema generale rappresentato è quello della Salvezza dell’Uomo. Al centro della volta è raffigurata una scena avvolta da una grande cornice a stucco, con la Croce, simboleggiante appunto la Salvezza, che campeggia enorme ed evidente. La Croce è librata da un angelo in volo verso il Padre seduto sul trono, a braccia aperte, mentre accoglie l'Agnello che appoggia con atteggiamento confidenziale le zampe sulla gamba destra del Padre.

Guarda le foto: VALTROMPIA, L'AROMA DELLE ALPI BRESCIANE

Tutt’intorno, a creare quasi una cornice celestiale, sfilano su nubi dodici figure di vecchi, con la palma nella mano, e, in un giro successivo, lungo i lati del riquadro, molte altre figure di giovani e di vecchi, variamente atteggiati, mentre un angelo passa ad imporre sulla loro fronte il sigillo. Si possono notare ai quattro angoli quattro angeli muniti di spade, che tengono a bada i quattro venti. Questo è solo uno dei tanti capolavori di cui è ricca l’Abbazia di San Nicola, che si presenta come uno dei più maestosi e ricchi complessi religiosi del Nord Italia.

Leggi anche: FRANCIACORTA HI-TECH: 80 KM LUNGO LA STRADA DEL VINO

*****AVVISO AI LETTORI******  
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook 
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Lombardia
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati