Cerca nel sito
Conegliano evento Dama Castellana

Dama Castellana, il Festival Rinascimentale di Conegliano

Nel trevigiano l'affascinante rievocazione storica con il Grande Corteo Rinascimentale

Momento della Partita della Dama Vivente
© Dama Castellana
Conegliano, Dama Castellana
A ridosso delle Prealpi Trevigiane, Conegliano è nota perché vi nacque Giambattista Cima, pittore italiano esponente della scuola veneta del XV secolo. Ma anche perché è una cittadina particolarmente vivace dal punto di vista culturale e folcloristico. Tra gli eventi più rappresentativi spiccano l’Autunno Coneglianese, il Gran Galà ciclistico internazionale, la Stagione Teatrale, il Conegliano Estate Festival e, su tutti, la Dama Castellana in cui riviveve il fascino delle antiche tenzoni tra cavalieri pronti a sfidarsi per damigelle e fortezze. La rievocazione storica proietta il visitatore ai tempi dei feudi e dei feudatari che si contendevano il territorio. Nella prima metà del 1200, infatti, i coneglianesi riuscirono a sconfiggere i trevigiani e leggenda narra che, forti della sconfitta, si fecero trasportare dai perdenti fino al castello salendogli in groppa come fossero dei somari. Questo avvenimento venne ricordato circa due secoli dopo, con l’introduzione della grande festa della Dama Castellana.

Leggi anche: Treviso, suggestioni d'amore tra scorci inaspettati

Già all’epoca venivano organizzati giochi e competizioni che, secolo dopo secolo, sono giunti fino ai giorni nostri. Ecco che, con grande passione e partecipazione, si rivivono i fasti del passato con i meravigliosi abiti dell’epoca e con l’atmosfera quattrocentesca che lascia sognare. Quest’anno il clou della festa è sabato 9 e domenica 10 giugno, ma il periodo rinascimentale coneglianese prende il via già da venerdì 1 giugno la Cena Rinascimentale all’Ex Convento di San Francesco. Il centro storico è pronto dunque ad ospitare la 34esime edizione della Dama Castellana, che quest’anno pone un’occhio di riguardo all’arte. Il sabato, giorno del Preludio, per le strade sfilano dame, cavalieri, giullari, attori, musici e sbandieratori pronti ad intrattenere grandi e piccoli. In Piazza Cima lo spettacolo dei Tamburi e Sbandieratori che poi si diffonde per tutta Via XX Settembre entrando all’interno dei due Palazzi storici. Durante il corteo si esibiscono vari artisti che presentano diversi spettacoli: di  magia, comici, acrobatici, pirotecnici.

Per le 17 del giorno successivo l’appuntamento è con il Grande Corteo Rinascimentale, a cui partecipano oltre 300 figuranti in abito rinascimentale. E’ durante lo spettacolo dal titolo “Luci e ombre nella Contrada Granda” che si terrà la tanto attesa Partita di Dama Vivente tra di due quartieri della città, dove torna protagonista Giovanni Antonio De Sacchis detto il “Pordenone” che, di ritorno da Roma,  decide di passare da Conegliano prima di arrivare a Treviso. La città si sta rialzando dopo le battaglie dei primi del 1500, dopo la peste, il terremoto e i saccheggi messi in atto dalle potenze straniere. E’ in questo contesto che il “Pordenone” incontra popolani, soldati, giullari prima di partecipare allo spettacolo della Dama Vivente. Quest’anno saranno aperti al pubblico alcuni punti importanti della città, come la Sala dei Battuti, la Casa del Cima e le chiese di San Rocco e San Martino, per permettere ai visitatori di godere appieno della bellezza architettonica ed artistica del centro storico.
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Veneto
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati