Cerca nel sito
Ancona Cattedrale di San Ciriaco

Ancona, la Cattedrale con la cupola più antica d'Italia

Il Duomo di San Ciriaco offre uno dei più importanti esempi del romanico nel nostro paese e sorge in una posizione privilegiata

Cattedrale di San Ciriaco, Ancona
©Di Parsifall - Opera propria, CC BY-SA 3.0, Wikimedia Commons
Ancona, Cattedrale con cupola di rame
Posta sul promontorio del Monte Conero ed affacciata direttamente sul mare, Ancona per molti è la località da cui partono i traghetti per le vacanze. In realtà è una piacevole città d’arte con un centro storico ricco di monumenti che vanta una storia millenaria. Tra musei, vestigia romane e chiese spicca la Cattedrale di San Ciriaco, con la sua facciata in marmo bianca e rosa, che domina la città dall’alto del Colle Guasco. Si tratta di una delle chiese medievali più interessanti di tutta la regione grazie anche agli elementi bizantini e gotici che la caratterizzano. Venne edificata sui resti di un tempio ellenistico dedicato alla Venere della buona navigazione. Inizialmente la basilica del VI secolo era intitolata a San Lorenzo. Questa venne ricostruita ed ampliata nel IX secolo dopo le distruzioni saracene e trasformata a croce greca tra l’XI e il XII secolo.

Leggi anche: LE SPIAGGE PIU' SELVAGGE DELLE MARCHE

Quella che si ammira oggi è la Cattedrale riportata alla sua eleganza dopo i danni delle due guerre mondiali e il terremoto del 1972. Particolare è la cupola a dodici facce slanciata e voltata alla gotica: per alcuni è considerata la più antica d’Italia e per molti altri una delle più perfette. Rappresenta uno degli sporadici esempi nell’architettura del periodo, insieme alle venete Basilica di Sant’Antonio da Padova e San Marco a Venezia, dove vede una cupola posta a coronamento di una chiesa, e non di un battistero. Nel XVI secolo venne realizzata la copertura in rame che ancor oggi la caratterizza nel panorama cittadino.

Leggi anche: ALLE PENDICI DEL CONERO

La facciata, tripartita, è preceduta da un’ampia scalinata: si presenta con un ricco portale gotico a rilievi, preceduto da un protiro strombato romanico formato da un arco sorretto da quattro colonne, le cui anteriori poggiano su leoni di marmo rosso e quelle posteriori sul basamento. L’interno è a croce greca con bracci a tre navate su colonne romane dai capitelli bizantini. Nell’ala sinistra si trova il monumento a Pietro Ghinelli, realizzato da Giovanni Dalmata da Traù nel 1509. Nella cappella della Madonna fa bella mostra di se lo splendido altare di Luigi Vanvitelli, datato 1738, con una venerata immagine della Madonna. Nella cripta sottostante, appartenente alla chiesa più antica, si trovano le urne dei patroni San Ciriaco, Liberio e Marcellino. Il transetto destro ospita la Cappella del Crocifisso, dove le transenne sono composte da preziose formelle graffite di plutei che riportano figure di santi, profeti e animali simbolici.

Scopri gli altri  MONUMENTI D’ITALIA
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Marche
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100