Cerca nel sito
Dimore Storiche Friuli Venezia Giulia Pasiano di Pordenone Villa Cavazza Querini

A Pordenone in una delle dimore più antiche del Friuli

La villa che ha ospitato anche Gabriele d'Annunzio è stata trasformata in un esclusivo B&B ideale per soggiorni in totale tranquillità

Esterno
©Associazione Dimore Storiche Italiane
Villa Cavazza Querini. Esterno con giardino
Al confine tra il Friuli e il Veneto, nel territorio compreso tra Treviso e Pordenone, si trova una zona perfetta per andare alla scoperta di meraviglie come Aquileia, Palmanova, Venezia e la sua laguna, il Parco delle Dolomiti Friulane, Patrimoni Unesco che incantano in ogni stagione. ( Se vuoi sapere qualcosa di più su Palmanova leggi qui). E’ qui, più precisamente a Visinale, una frazione di Pasiano di Pordenone, che sorge una villa tra le più antiche del Friuli occidentale, completata nel 1542 dalla famiglia veneziana dei Cavazza, di origine bergamasca ma impegnata in attività diplomatiche a Venezia. Si tratta di Villa Cavazza Querini, oggi trasformata un B&B ed abitata dagli ultimi eredi, che risulta perfetta per soggiorni di autentica tranquillità.

Facciata della Villa / ©Ca Settecento.it

Nel 1643 la proprietà della villa passò ad una nobile famiglia dell’aristocrazia veneziana, i Querini di Candia del ramo di Santa Giustina, potente famiglia che già da tempo maturava interessi nelle zone venete investendo i capitali in proprietà agricole. Tra i personaggi di rilievo di questa famiglia spicca Pietro Querini, patrizio veneziano e membro del Maggior Consiglio della Serenissima, storicamente ritenuto importatore in Italia dello stoccafisso in quanto, a seguito di un naufragio di cui fu vittima nel 1431, approdò fortuitamente in Norvegia dove apprese le tecniche di pesca e di conservazione dello stoccafisso che promosse e diffuse una volta ritornato in terra veneta. Nel 1720 la villa fu completamente ristrutturata ed ampliata dai Querini con diversi interventi che, nel complesso, le conferirono l’attuale struttura. Si deve a questa ristrutturazione la modifica della facciata per darle maggiore enfasi monumentale, l’ampliamento dell’ala ovest nel Settecento  a cui seguì quello dell’ala est, nell’Ottocento, e la costruzione di una chiesetta dedicata ai SS. Pietro e Paolo, la quale riporta una meridiana affrescata. L’intera villa è circondata da un muro di cinta ornato da pregevoli statue settecentesche: di queste ne restano anche, davanti al palazzo, alcune decapitate per mano dei tedeschi durante l’occupazione della Prima Guerra Mondiale.

Ingresso villa / ©Associazione Dimore Storiche Italiane

L’attuale residenza, così ristrutturata, fu successivamente di proprietà della famiglia del Commendatore A. d’Agostino, rinomato economista e banchiere, che la conservò fino ai primi anni del XXI secolo. La casa fu nel tempo frequentata da personaggi storici, amici dei proprietari,  tra cui anche Gabriele d’Annunzio, diventando luogo di ritrovo per celebri occorrenze. In tempi più recenti la proprietà dell’ala ovest è stata rilevata dalla famiglia Sanarica per adibirla a struttura ricettiva, realizzando una Residenza d’Epoca con un progetto che ha permesso di far rivivere una porzione di villa che sarebbe stata abbandonata. Nel 2017 sono stati completati i lavori di restauro, sotto la supervisione della Soprintendenza delle Belle Arti della regione Friuli Venezia Giulia, recuperando i tre piani della struttura, realizzando la residenza privata e le camere per gli ospiti e riuscendo a far vivere l’antica bellezza attraverso la condivisione di spazi comuni. Oggi la dimora è inserita nel catalogo dell’Istituto Regionale Ville Venete. 

Camera singola / ©Associazione Dimore Storiche Italiane

L’esclusivo Bed & Breakfast si chiama Ca’ Settecento, arredato in stile e in armonia, dove  si può soggiornare in un ambiente accogliente e ricco di ospitalità. Le camere sono arredate con eleganza e semplicità e l’ambiente si caratterizza per la presenza di ampi spazi comuni: ci sono la saletta per colazioni-brunch, due sale per la cena, una piccola biblioteca con volumi storici ed un accogliente salottino. Le camere, accuratamente arredate, sono dotate di ogni confort. All’interno della struttura si sono ricavate camere al piano terra e primo piano arredate in stile, e camere mansardate con travi e tavelle a vista, autentiche e restaurate, che evocano la semplicità. Ciascun ambiente interno elegante e funzionale, rispecchia uno stile differente, rendendo le camere uniche e diverse per soddisfare ogni esigenza. Dalla camera con vista sul giardino si può godere in totale relax della tranquillità della natura circostante, con una predisposizione alla meditazione. Una scelta di qualità per dare un tono esclusivo al soggiorno. 

La villa si può visitare dal giovedì alla domenica su prenotazioni per gruppi di almeno 5 persone con orari da concordare.

Villa Cavazza Querini fa parte dell’Associazione Nazionale Dimore Storiche.
L’Associazione Dimore Storiche italiane, Ente morale riconosciuto senza fini di lucro, è l’associazione che riunisce i titolari di dimore storiche presenti in tutta Italia
Saperne di più su CULTURA
Correlati per regione Friuli - V.Giulia
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati