Cerca nel sito
  / HOME

Bollicine di montagna a Firenze

Undici prestigiosi locali della città diventano vetrina per Trentodoc. Una tre giorni tra ristoranti, wine bar ed osterie

Bollicine di montagna a Firenze
Shutterstock
E' considerato tra i più pregiati vini trentini. È fatto principalmente da uve Chardonnay e fa risalire le sue origini a quando un giovane tecnico di cantina di nome Giulio Ferrari, di ritorno dallo Champagne, decise di applicare e diffondere nella sua Trento i segreti carpiti ai francesi. Parliamo naturalmente del Trentodoc, prima Denominazione di Origine Controllata degli spumanti metodo classico riconosciuta in Italia e seconda al mondo, dopo la Champagne.

Prodotto di altissima qualità, esportato in molti paesi del mondo, il Trentodoc, dal 18 al 20 settembre, avrà come vetrina d'eccezione la città di Firenze. Con le sue inebrianti bollicine di montagna, sarà presente in ben undici prestigiosi locali scelti accuratamente per far scoprire ai fiorentini e ai tanti visitatori della città toscana tutti i suoi segreti e le sue caratteristiche.

L'appuntamento darà importante visibilità al Trentodoc, marchio che raggruppa trentotto produttori di metodo classico trentino, e offrirà a tutti gli amanti del vino e della buona tavola un'importante occasione per degustare e assaporare il frutto del metodo classico più “stappato” in Italia.

Tra i ristoranti, le enoteche e i wine-bar fiorentini selezionati per ospitare le bollicine di montagna, segnaliamo il «Santino», un piccolo locale ideale per sorseggiare un bicchiere di buon vino e stuzzicare assaggi di cucina tipica toscana; a pochi passi da Ponte Vecchio troverete invece il «Lungarno Hotel» dove in una suggestiva terrazza sull'Arno potrete godere di una cena o di un semplice aperitivo. In Piazza della Passera troverete a servirvi il Trentodoc il personale de «Il Magazzino», un ristorante tipico specializzato in piatti del territorio a base di trippa e lampredotto mentre per gli amanti del buon bere c'è la «Trattoria Da Burde» che vi servirà la sua mitica crostata d'Autunno, con fichi e susine, accompagnata naturalmente da un calice di buon vino del Trentino. Da «Ino», l'ormai celebre bottega di alimentari e vini, potrete abbinare il Trentodoc ai gustosi e richiestissimi panini di Alessandro Frassica mentre nelle sale del «Ristorante Ora D’Aria» troverete una ad accompagnere la vostra degustazione una cucina d'autore, presentata in un elegante ambiente contemporaneo.



Leggi anche:

Il lusso a Firenze diventa arte

Exhibitaly: l'Italia del vino in mostra a Mosca

Come nasce il mito della birra a Monaco
Saperne di più su
Correlati per territorio
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati