Cerca nel sito
  / HOME
Maya 2012 fine del mondo volterra convegno

A Volterra l'incontro con i Maya

Una sfida ai Maya quella organizzata dal Comitato Italiano per il Controllo sulle Affermazioni sul Paranormale: un convegno sulla Fine del Mondo poco tempo prima della data della profezia apocalittica

Terra
©Shutterstock
Man mano che trascorrono i mesi di questo 2012 ogni giorno accade qualcosa legato al mistero, al paranormale o semplicemente avvenimenti astrofisici tra cui le eclissi, l’allineamento di pianeti o passaggi di asteroidi in prossimità della terra. E poi ci sono le catastrofi come il terremoto in Emilia che sembra non avere mai fine. Parlando di fine e catastrofi, però, il pensiero va proprio alla Fine del Mondo, prevista dai Maya a dicembre di quest’anno.

Ma perché c’è sempre cosi tanto interesse che ruota attorno alle apocalissi e agli eventi catastrofici, tanto da causare vere e proprie psicosi collettive? Questa è una delle domande principali a cui si cercherà di rispondere durante la XII edizione del Convegno Nazionale del CICAP, il Comitato Italiano per il Controllo sulle Affermazioni sul Paranormale. Bisogna aspettare il prossimo autunno affinché il convegno, previsto nel fine settimana del 4 e 7 ottobre presso il suggestivo Teatro Persio Flacco di Volterra, possa delucidarci in merito. 

Il CICAP in un certo senso lancia una sfida ai Maya, organizzando il convegno sulla fine del mondo e sulle profezie apocalittiche pochi mesi prima dalla data presunta dell’apocalisse (che, lo ricordiamo, per i Maya dovrebbe avvenire il 21 dicembre 2012):  si ritiene, infatti, che l’interpretazione del calendario maya sia piuttosto demenziale cosi come, attualmente, le varie rettifiche degli spostamenti di data o le epidemie di zombie. Il convegno sarà un’occasione speciale per incontrare grandi esperti, studiosi e artisti e trascorrere tre giorni d’indagini nel mistero, nella scienza e nel divertimento intelligente, interrogandosi sul perché catastrofi e profezie apocalittiche esercitino tanto fascino sull’uomo e come mai siamo sempre cosi attratti da leggende come quella di Atlantide, che narra di una civiltà sommersa dalle acque.

Ci saranno davvero probabilità reali che il mondo termini alla fine di quest’anno? A rispondere gli storici Enrica Salvatori, Marco Ciardi e Antonio Aimi, l’astrofisico Gianluca Ranzini, gli psicologi Luca Pierantoni e Armando de Vincentiis e l’ingegnere Francesco Grassi, che ci offriranno anche un’approfondita indagine sul modo in cui i popoli Maya calcolavano il tempo e come funzionavano i loro calendari. Si parlerà anche di bufale con l’esperto Paolo Attivissimo che illustrerà le cosidette “bufale apocalittiche”, indicando come combattere queste informazioni fasulle, e Piero Angela dedicherà una serata a raccontare le sue esperienze nel campo della divulgazione.

Pur restando centrale il tema delle apocalissi, non mancheranno approfondimenti sul paranormale più classico come i cerchi di grano, i vampiri, i fantasmi e i castelli stregati. Non solo un incontro che celebra i tanti eventi legati ai Maya, dunque, tra i quali va ricordata anche la mostra ancora in corso a Philadelphia, ma un vero e proprio cammino attraverso gli accadimenti più strani del mondo.

Qualche lettura per chi volesse approfondire il tema:  
VIAGGIO CON I MAYA IN LIBRERIA

Leggi anche

MESSICO: IL MISTERIOSO "FULMINE DEI MAYA": GUARDA LE FOTO
MAYA 2012: LUCE SULLE ROVINE DI TIKAL

SULLA STRADA DEL MONDO MAYA

FINE DEL MONDO SMENTITA DALLA NASA

LA FINE DEL MONDO PUO' ATTENDERE: ECCO PERCHE'

SCOPERTO IL PIU' ANTICO CALENDARIO MAYA

21 DICEMBRE 2012: SARA' LA FINE DEL MONDO?

Correlati per territorio
Seguici su:
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati