Cerca nel sito
piemonte po natura ambiente magiclandscapes

MaGICLandscapes: il progetto europeo per la tutela del Po

Il programma ha l'obbiettivo di riqualificare l'ecosistema attorno al corso del fiume

fiume po torino 
©AleksandarGeorgiev/iStock
Fiume Po
Durerà ben nove anni il programma di tutela, valorizzazione e salvaguardia promosso dall'Unione Europea in favore dell'ecosistema del Po. Prende il nome di MaGICLandscapes ed è stato finanziato con 1,7 milioni di euro destinati al miglioramento della pianificazione del territorio e del paesaggio al fine di valorizzare le aree naturali, mitigare i cambiamenti climatici, preservare gli habitat di fauna e flora selvatiche e migliorare la qualità di aria e acqua. Nel progetto saranno coinvolti, a diversi livelli, più soggetti tra i quali la Città Metropolitana di Torino, la Regione Piemonte, i due Enti Parco del Po Torinese e del Po Vercellese-Alessandrino, l'ENEA, l'Autorità di Bacino del Po, il Comune di Chieri, oltre ad ulteriori 9 partners dell'Unione Europea, provenienti da Germania, Austria, Polonia e Repubblica Ceca, che saranno impegnati su altrettanti casi di studio.

In ambito piemontese sarà ENEA a coordinare le attività dedicate al progetto che avranno come base la sede di Saluggia e si concentreranno, in particolare, sull'area pilota del Parco del Po tra le province di Torino, Vercelli ed Alessandria, che si presenta come un'interessante area protetta che si estende per 90 chilometri comprendendo sul suo territorio ben 24 Comuni in un affascinante susseguirsi di differenti ambienti naturali che hanno come filo conduttore il corso del fiume. Nell'ambito dell'iniziativa verranno individuate, tutelate e valorizzate le aree naturali che offrono all'uomo “servizi ecosistemici” come la protezione da alluvioni e frane, siccità e conservazione della biodiversità.

Lo scopo del progetto è quello di perseguire gli obbiettivi della strategia europea per la biodiversità fissati nel recupero, entro il 2020, di almeno il 15% degli ecosistemi degradati attraverso la mappatura ed il rilevamento delle loro condizioni in modo tale da poter individuare le migliori strategie per proteggerli e valorizzarli. Nel caso specifico dell'ambiente del Po, l'Ente di Gestione delle Aree Protette del Po Torinese proporrà un programma che ripercorrerà, sostanzialmente, le opere già svolte nell'ambito del progetto che portò alla redazione, nel 1995, del Piano d'Area del Po che, sebbene risalga ormai al 1995, conserva ancora oggi importanti elementi di attualità legati soprattutto alla lettura del territorio nel rispetto di tutti i suoi aspetti più rilevanti dal punto di vista culturale, ambientale e storico.

Leggi anche:
Torino: 4 idee per uno spettacolare weekend
Il Parco di Stupinigi lungo le Rotte del Re
Piemonte: al Parco la Mandria è già Expo

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su NATURA
Correlati per regione
Seguici su:
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100