Cerca nel sito
HOME  / gusto
friuli venezia giulia prodotti tipici Natale ricette dolci

Strucchi: il sapore del Natale nelle Valli del Natisone

I dolcetti farciti della provincia di Udine sono una delle specialità delle Feste friulane

strucchi dolci frittelle 
Courtesy of ©Dorothy61n1/Wikimedia Commons CC BY SA 3.0
Gli strucchi fritti
Deliziosi dolcetti delle feste, gli strucchi sono una deliziosa specialità delle Valli del Natisone, in provincia di Udine, che fanno subito respirare aria di Natale. Erano i dolci delle grandi occasioni e ancora oggi allietano i giorni di festa durante i quali vengono celebrati anche con eventi ad essi dedicati.

LA TRADIZIONE
Un tempo serviti al posto dei confetti ai matrimoni, gli strucchi, nelle Valli del Natisone, erano i dolci delle grandi occasioni. Oggi costituiscono una delle ricette più rappresentative della tradizione locale assieme ala Gubana, oltre ad essere una delle prelibatezze che vengono servite nel periodo delle feste di Natale e di Pasqua e in occasione della festa del patrono Sant'Antonio, che si celebra il 17 gennaio, durante la quale,un tempo, era diffusa l'usanza di preparare una grande quantità di dolci, strucchi e gubane soprattutto, da offrire ai propri cari.

LA DENOMINAZIONE
Gli strucchi, noti anche come “struki”, sono una vera specialità della cucina delle Valli del Natisone inserita nell'elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizonali (PAT) sia nella versione fritta che lessa. Per preservarne la tradizione la Fondazione Slow Food ha deciso di salvaguardare la loro ricetta nell'ambito del progetto Arca del Gusto.

LE CARATTERISTICHE
Gli strucchi sono deliziosi fagottini farciti con un ripieno che, generalmente, è lo stesso della Gubana, a base di noci, nocciole, pinoli, zucchero, vaniglia, sale, un poco di liquore o grappa. Possono essere serviti fritti oppure bolliti e, a seconda della modalità di cottura, la ricetta dell'impasto che avvolge la farcitura cambia. Per gli strucchi fritti si prepara un impasto a base di farina di frumento, zucchero, uova, latte o acqua, burro, un goccio di liquore, sale, essenza o scorza grattugiata di limone. Negli strucchi bolliti, invece, si prepara con un impasto a base di patate.

LA PRODUZIONE
Oggi gli strucchi rimangono un dolce particolarmente apprezzato della tradizione locale. Pertanto è possibile reperirli con facilità nelle diverse località delle valli durante tutto l'anno ed in particolare in occasione delle festività.

LA CULTURA
Anche il libro del 1968 Nozze di ieri in Friuli parla degli “struki” e li definisce uno dei dolci caratteristici della tradizione delle valli da consumare specialmente durante i giorni di festa.

IN CUCINA
A seconda del tipo di cottura, dunque, l'impasto degli strucchi differisce negli ingredienti. Anche il ripieno può subire variazioni a seconda della disponibilità degli ingredienti o delle consuetudini di chi lo prepara che può scegliere di personalizzarlo con un tocco di creatività, rifacendosi, comunque, generalmente sempre alla ricetta della farcitura della gubana. Gli strucchi sono ottimi serviti con un condimento a base di burro fuso, zucchero e cannella.

La ricetta: Strucchi fritti. Ingredienti: 250 gr. di farina, un cucchiaino di lievito, 75 gr. di zucchero, 80 gr. di burro, 1 uovo e 1 tuorlo, 1 bacca di vaniglia, buccia grattugiata di 1/2 limone (non trattato), latte tiepido q.b., sale q.b.. Per il ripieno: burro, zucchero, noci tritate, mandorle o nocciole pelate e trite, cedrini tagliuzzati, cioccolata grattugiata, uva sultanina, un pizzico di cannella, poco rhum e grappa.
Cominciate preparando il ripieno. Mettete in un tegamino una noce di burro; quando si scioglie aggiungete i pinoli, friggeteli a fuoco moderato finché avranno raggiunto un colore dorato. Aggiungeteli agli altri ingredienti, aggiungete una o due cucchiaiate di zucchero (a piacimento) e pan grattato. Amalgamate bene il composto ed assaggiate. Regolate lo zucchero. Preparate, quindi, la pasta amalgamando gli ingredienti. Stendete la pasta fino ad ottenere una sfoglia sottile, (per velocizzare il lavoro, utilizzare il raviolatore), adagiatene metá sul raviolatore leggermente infarinato, disponete un po' di ripieno su ciascuna delle vaschette, bagnate tutti i bordi con l'albume sbattuto, perché la pasta aderisca meglio, coprite con l'altra metá, premete su tutti bordi, tagliate con la rotella tagliapasta lungo tutti i margini. Friggete in olio bollente gli strucchi finché diventano dorati da entrambe le parti. Toglieteli dalla padella, metteteli in una ciotola e zuccherateli. (lintver.it)

TUTTE LE RICETTE REGIONALI D’ITALIA

IL TERRITORIO Suggestivo collegamento tra la Valle dell'Isonzo e Cividale del Friuli, le Valli del Natisone sono quattro splendide vallate della provincia di Udine che costituiscono la dorsale meridionale delle Prealpi Giulie. Sono attraversate da quattro corsi d'acqua, tra cui il fiume da cui prendono il nome, e vantano affascinanti scenari di elevato interesse naturalistico dominati dal Monte Matajur, dalla cui cima si può ammirare un magnifico panorama su tutta la pianura.

Leggi anche:
In Friuli con i Krampus: la sfilata dei diavoli
La lunga notte dell'Epifania in Friuli
I falò epifanici in Friuli
In Friuli lo shopping senza frontiere
Appuntamento gustoso in Friuli

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE
Saperne di più su GUSTO
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100