Cerca nel sito
HOME  / cuore
costiera amalfitana campania itinerari romantici

Costiera Amalfitana: romantica passeggiata lungo il Sentiero dei Limoni

Il sentiero collega Maiori e Minori tra splendidi paesaggi, profumi e tradizioni

Positano, costiera amalfitana, mare, campania
PerseoMedusa/Shutterstock
Uno scatto di Minori, una delle piccole gemme della Costiera amalfitana
Il profumo dei limoni, la natura prorompente, il sole che indica il percorso e si specchia in un mare dalle sfumature sorprendenti. Ogni passeggiata tra le bellezze della Costiera Amalfitana è una gioia per gli occhi ed un trionfo di emozioni che diventano indimenticabili se condivise con la propria dolce metà. I luoghi da scoprire sono tanti, ma chi desidera perdersi in un itinerario ad alto tasso di romanticismo, il Sentiero dei Limoni è una di quelle meraviglie in grado di arrivare dritte al cuore. Una passeggiata che non si dimentica perchè in un'ora di cammino svela l'essenza della Costiera mostrandone i paesaggi più belli e le tradizioni più affascinanti. Questo piccolo angolo di paradiso si trova tra Maiori e Minori e attraversa il pittooresco borgo di Torre, un villaggio dalle suggestioni d'altri tempi noto da secoli per la ricchezza e la qualità dei suoi limoni.

A cavallo tra la primavera e l'estate non è raro, ancora oggi, imbattersi, lungo il cammino, nei limonicoltori che trasportano i profumati frutti del raccolto sulla schiena o a dorso di mulo. Sono, dunque, proprio i limoni a fare da fragrante filo conduttore di un itinerario ricco di sorprese che può essere percorso partendo da Maiori alla volta di Minori o viceversa. La passeggiata è piacevole e priva di difficoltà ad esclusione dei circa quattrocento gradini che si dovranno salire e scendere lungo il percorso. I primi sono proprio quelli che, da via Vena, si allontanano dalla bella cupola maiolicata della Collegiata di Santa Maria a Mare a Maiori. La scalinata si arrampica su un costone roccioso raggiungendo il Sentiero dei Limoni che si dipana nella fitta macchia mediterranea fatta di carrube (le "sciuscelle"), ulivi e viti, fino a raggiungere una scenografica vallata racchiusa tra i terrazzamenti, per poi proseguire tra i primi alberi di limoni e le prime chiesette.

Si tratta delle primissime propaggini del villaggio di Torre che prende, probabilmente, il nome da un'antica fortificazione (secondo molti la Torre Fronsuti citata in alcuni scritti) di cui oggi non rimane più nulla. Cuore pulsante del borgo è l'antica chiesa di San Michele Arcangelo nota sin dal X secolo. Superata la piazzetta di San Michele, la strada comincia a scendere in direzione di Minori. Una volta attraversato il villaggio conviene concedersi un'altra piccola sosta sul magnifico belvedere "della mortella", nome con cui viene localmente chiamato il mirto, che si affaccia su Minori offrendone una veduta da levare il fiato. Il percorso è quasi terminato ma rimane un'unica scelta da fare: se raggiungere, finalmente, Minori, o se arrampicarsi ancora un po' imboccando il bivio che conduce al trecentesco Campanile dell'Annunziata che offre innumerevoli scorci panoramici ed ulteriori spunti per altre piacevoli passeggiate tra i sentieri della Costiera.

Leggi anche:
Pompei, la meraviglia d'Italia più a rischio
Quei pomodorini "rosso Vesuvio"
Oltre Pompei ed Ercolano

CONSIGLI PER IL WEEKEND
I PIU’ BEI MONUMENTI ITALIANI DA VISITARE





Saperne di più su CUORE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2017. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100