Cerca nel sito
Piemonte artigianato artistico Valsesia Puncetto

Valsesia: la passione per il Puncetto

La tipica trina ornamentale valsesiana rappresenta un prezioso elemento della vita quotidiana degli abitanti della valle che hanno fatto di questa fantasiosa operosità un vanto di respiro internazionale.

Lavorazione Puncetto Valsesiano
Courtesy of©ATL Valsesia Vercelli
Lavorazione Puncetto Valsesiano
Pazienza, passione e dedizione: queste le doti di ogni abile donna alle prese con l’arte del puncetto, un pizzo ad ago che rappresenta una delle antiche produzioni artigianali tipiche della Valsesia, la deliziosa valle alpina della provincia di Vercelli famosa per la più verde d'Italia.

LA TRADIZIONE Il suo nome deriva dal diminutivo della voce dialettale "punc" che significa "punto" da cui puncetto. Le sue origini in realtà sono abbastanza incerte ma, stando a quanto rivela una leggenda, furono gli invasori saraceni quando, nel X secolo, invasero la valle a diffondere questa perla dell’artigianato artistico che, da allora, rappresenta un sapere prezioso che viene custodito e tramandato verbalmente di generazione in generazione. Il fascino di questi lavori richiamò addirittura l’attenzione di Gaudenzio Ferrari che, nel 1500, li prese come musa ispiratrice decidendo di ricrearli sugli abiti di alcune sue Madonne dipinte come quella di Brera e nel Polittico di Varallo. Il periodo del grande boom avvenne intorno al XIX secolo grazie soprattutto alla figura di Margherita di Savoia che contribuì alla sua diffusione a livello internazionale portandolo tra le corti in Francia ed in Inghilterra. Nonostante la crisi iniziò a farsi sentire intorno al secondo dopoguerra, la tradizione del puncetto continua a vivere grazie alla volontà delle donne della valle che realizzano ancora capolavori: per chi volesse apprendere i segreti di questa lavorazione, la Società Operaia di Mutuo Soccorso, fondata nel 1859, si impegna a promuovere corsi, dimostrazioni e workshop al fine di tutelare e valorizzazione l’artigianato tipico valsesiano. Inoltre, a partire dagli anni ’80, venne promossa la registrazione del marchio del Puncetto Valvesiano per assicurare l'autenticità di ogni manufatto.

LE CARATTERISTICHE L’arte della lavorazione del puncetto non prevede l’ausilio di molti strumenti: protagonisti unici sono ago e filo. Il prodotto finale si ottiene unendo fra di loro una serie di piccoli nodi e, creando un susseguirsi di pieni e di vuoti, si ottiene questo prezioso ricamo dai delicati disegni, una tecnica di cui si servivano le abili donne per ornare i tipici vestiti valsesiani ma anche mobili, centrini, tovaglie, asciugamani etc.

IL TERRITORIO A Fobello chiunque fosse interessato, su richiesta è possibile fare visita alla Mostra permanente del Puncetto, legata alla locale scuola di puncetto, dove ammirare bellissimi esemplari di questa tipica trina oltre alla collezione di costumi della Val Mastallone, una delle piccole valli locali in cui è ubicato questo grazioso paesino.

INDIRIZZI L'appuntamento con lo shopping tradizionale rimanda alla Società Operaia di Mutuo Soccorso che gestisce, in quel di Varallo, la Bottega dell’Artigianato: un grazioso negozietto, ubicato in quel di corso Umberto I, nel centro storico del paese, dove è possibile trovare i prodotti artigianali locali autentici come la tipica pantofola valsesiana e, ovviamente il puncetto valsesiano.

Leggi anche
A COGNE SI FA IL PIZZO
OFFIDA LE MARCHE DA RICAMARE


*****AVVISO AI LETTORI******
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100