Cerca nel sito
italia artigianato toscana sigari tabacco Kentucky

Toscana al gusto di tabacco

Il sigaro è uno dei simboli del Made in Italy più apprezzati al mondo, vero capolavoro artigianale prodotto dalla Manifatture tabacchi Kentucky.

Sigari toscani
Courtesy of©toscanoitalia.it
Caro a personalità illustri come Garibaldi, Verdi, Puccini, Modigliani etc. il sigaro toscano è passato per innumerevoli bocche, famose e sconosciute. Molto diverso per sapore dal famoso rivale cubano, la variante italiana è il gioiello delle Manifatture Sigaro Toscano e rappresenta uno storico prodotto italiano, un vanto della produzione artigianale nostrana il cui punto di forza è nel processo fermentativo in grado di regalare quel gusto particolare.

LA TRADIZIONE Nonostante le origini del tabacco Kentucky siano da reperire nel 1700 nell’omonima realtà statunitense, già nell’800 qualcosa inizia a muoversi anche nel Belpaese, trovando terreno fertile in Toscana. Tutto avvenne in maniera casuale: dopo un acquazzone estivo che fece fermentare il tabacco Kentucky lasciato all’aperto, ci si trovò in una condizione d'emergenza, al fine di non dovere gettare via tutto, si utilizzò il tabacco "andato a male" come ripieno di sigari venduti a costi contenuti. Inaspettato il clamoroso successo riscosso tanto che, nel 1818 Ferdinando III, granduca di Toscana, decise di dare vita alla Manifattura Granducale di Firenze in cui si producevano proprio sigari fermentati. Se la fabbricazione del sigaro si è svolta in un primo momento solo a Firenze, negli anni successivi alla guerra, quello che veniva chiamato lo "stortignaccolo" per la sua forma imperfetta,  ha cambiato casa ed ha stabilito la produzione nella Manifattura di Lucca, dal 2004 nella periferica Mugnano e ancora in quel di Cava dei Tirreni ed a Foiano della Chiana, là dove avviene la scelta delle foglie di tabacco. Le Manifatture Sigaro Toscano si rivelano oggigiorno l’unica filiera tabacchicola interamente svolta in Italia i cui manufatti valicano però spesso in confini nazionale raggiungendo più di 40 paesi stranieri, principalmente in Europa, ma anche Canada, Australia, Israele, Libano, Giappone e Turchia. Dietro ad un prodotto di successo si cela anche una storia importante, quella legata ai diritti delle donne che, dopo ore e ore di duro lavoro e ribellioni, raggiunsero importanti traguardi ottenendo pari diritti degli uomini nel mondo del lavoro. Quello della sigaraie era un mestiere importante, ambito e difficile, ogni singola candidata era selezionata accuratamente e, affinché potesse essere produttiva, doveva avere dita corte ma non troppo grosse, con un palmo leggero e flessibile.

LE CARATTERISTICHE L'attività di sigaraia si tramandava di madre in figlia, un lavoro che sembra non essere variato con il trascorrere del tempo: dopo circa 200 anni si continuano ancora a confezionare sigari avvalendosi della propria abilità manuale, pronte a dare vita a prodotti di grande pregio e valore. Ogni pezzo si realizza con cura e vengono selezionate solo le migliori foglie: dopo aver bagnato il tabacco e averlo lasciato fermentare, avvalendosi del supporto di colla d'amido di mais, le lavoratrici appoggiano il tabacco e, con una grande velocità, dopo averne determinato peso e densità, lo arrotolano dandogli la tipica forma irregolare. Adagiato su telai di juta, passa poi all’essiccazione ed alla stagionatura per un periodo variabile, che di solito va dai 6 ai 12 mesi, per poi essere confezionato negli appositi astucci e pronto per la vendita. Le Manifatture Sigaro Toscano commercializzano 25 varietà di sigari tra cui spiccano grandi classici come il Toscano Originale, il Toscano Originale Millennium e il Toscano Originale Selected, tutte qualità pregiate con quell'aroma ricco e intenso mentre, tra le specialità a macchina, il Toscano Modigliani a fermentazione doppia, decisamente aromatico o ancora il Toscano d'Autore Garibaldi dal sapore deciso reso tale grazie al particolare processo di maturazione e stagionatura.

IL TERRITORIO Curioso da sapere ma il sigaro Toscano Extra Vecchio è stato inserito, nel 2000, tra i presidi eno-gastronomici italiani da Slow Food. Per tutti gli estimatori del genere, esiste il club Maledetto Toscano che organizza riunioni, eventi e, in collaborazione con l’Ente Tabacchi Italiani, si occupa anche di organizzare visite guidate alla manifattura di Lucca. Interessante sottolineare l’accoppiamento tra sigaro ed enogastronomia, prendendo parte agli eventi è infatti possibile degustare grandi vini e imparare i giusti accostamenti di sapori.

INDIRIZZI Chi ama conoscere la storia di un vanto tutto italiano può fare visita alla manifattura del Sigaro Toscano di Lucca dove, puntualmente, sono organizzate visite guidate che permettono di scoprire la storia e i processi lavorativi dei sigari tra i più amati al mondo fino ad approdare nel piccolo spaccio dove è possibile acquistare tutti i prodotti della Manifattura.

WELLNESS: A TUTTA SALUTE IN TOSCANA CON I MIRTILLI

VALDICHIANA: SHOPPING TRA I VIGNETI

Argomento precedente
I TAPPETI DI SAMUGHEO
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione Toscana
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100