Cerca nel sito
musei italia Museo Artistico Industriale Bitossi

Toscana: le ceramiche artistiche del Museo Bitossi

Visitare il Museo Artistico Industriale Bitossi permette di intraprendere un viaggio all'interno di una realtà produttiva che traduce lo stile italiano nella texture delle sue ceramiche

Sala Museo
©Toscana900
Sala con ceramiche del Museo Artistico Industriale Bitossi
Colore, forma e materia fanno del Museo Artistico Industriale Bitossi una realtà tutta da scoprire, in un territorio che produce ceramica fin dal Trecento. Aperto nel 2003, è un museo d’impresa che raccoglie la documentazione cartacea e materiale di ceramiche, strumenti ed attrezzature del Gruppo Colorobbia ed espone la produzione di ceramica artistica del Novecento, in particolare dalla metà degli anni Cinquanta ad oggi, di Botossi Ceramiche, il marchio attuale della prima manifattura Maioliche Artistiche Guido Bitossi del 1921.

Leggi anche: TERRE DI TOSCANA, PASSIONE PER IL VINO

Attualmente il museo è articolato in due sale nell’edificio storico della prima sede: le ceramiche in esposizione sono circa 200 e nel percorso espositivo sono inseriti pannelli che illustrano la storia dell’azienda. In questa sede trovano spazio anche mostre temporanee dedicate alla manifattura Bitossi e ad altre manifatture toscane e mostre tematiche su architetti e designer che hanno collaborato con l'azienda. Inoltre vengono incentivati gli studi sulla ceramica e sul design ceramico del Novecento, a partire dalla manifattura Bitossi e da altre manifatture di area fiorentina. Nell’Archivio Industriale Bitossi sono presenti disegni, fotografie, documenti, pubblicazioni e oltre 7.000 ceramiche in gran parte già catalogate: grazie a questa documentazione sono state create, in collezioni numerate a tiratura limitata, alcune linee prodotte dagli anni Cinquanta agli anni Settanta, realizzate dallo storico direttore della manifattura Aldo Londi.

Leggi anche: PRIMAVERA IN TOSCANA, BORGHI DA SCOPRIRE IN DUE

L’Archivio è stato voluto dalla famiglia Bitossi al fine di conservare e valorizzare la memoria storica delle proprie imprese, e nel corso degli anni ha costituito una raccolta di attrezzature industriali e documentazioni relative sia al colorificio ceramico che alla ceramica artistica. E’ ospitato in 7 sale nella sede storica dell'ex Colorificio, vicino alla manifattura. I materiali cartacei sono conservati in raccoglitori, le attrezzature industriali e gli oggetti in ceramica sono stati suddivisi e collocati su appositi espositori metallici. Una sezione è specificatamente dedicata al design ed ai fenomeni artistici nel settore ceramico in epoca contemporanea sviluppati dalla manifattura Bitossi già dalla fine degli anni Cinquanta. Attualmente sono state inventariate e catalogate 5480 ceramiche, un vero tesoro del territorio toscano.
 
Informazioni
Museo Aristico Industriale Bitossi
Via A. Gramsci, 12/14
50056 Montelupo Fiorentino (FI)
Tel. 0571 51033
info@fondazionevittorianobitossi.it
Apertura al pubblico: Su appuntamento
Ingresso: Gratuito
Visite guidate: Su richiesta
 
 
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione
  • Sovana e il suo tesoro
    ©iStockphoto

    Sovana e il suo tesoro

    Il borgo in provincia di Grosseto tra storia e leggenda, cosa sapere sul paese natale di Papa Gregorio VII
  • La Toscana che profuma di olio
    istockphoto.com

    La Toscana che profuma di olio

    L'olio Toscano IGP è un'eccellenza che vanta una tradizione secolare ed un gusto inconfondibile
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati