Cerca nel sito
Imperia Museo dell'Olivo Fratelli Carli

Imperia, viaggio nella storia dell'olivo

Il Museo dell'Olivo dei Fratelli Carli riporta indietro nel tempo di 7000 anni.

Antico Frantoio del Museo dell'Olivo
©Museo dell'Olivo
Museo dell'Olivo, frantoio antico
Nella sede storica di Imperia Oneglia i Fratelli Carli hanno dato via ad una delle principali aziende olearie della Riviera. Sin dal 1911 l’olio Carli è uno dei prodotti di punta in Liguria: l’azienda produce e distribuisce olio per corrispondenza a cui si aggiungono anche conserve alimentari della tradizione e tipicità della gastronomia mediterranea. E raggiunge oltre 1 milione di clienti in diversi paesi del mondo. Nel 1992 è stato inaugurato il Museo dell’Olivo, che illustra la storia dell’olivo in tutte le sue sfaccettature e contribuisce a renderne fruibili i segreti ad un elevato numero di visitatori. Non è un caso che si sia aggiudicato nel 1993 la "Menzione speciale Museo dell’anno”: visitarlo significa infatti intraprendere un viaggio in 7000 anni di storia, da Oriente ad Occidente.

Leggi anche: In Liguria il Giardino Botanico che riproduce la montagna

Dalla realtà oleicola locale e di altre regioni italiane alla scoperta dell'olivo, già sacro ad Atena e ancora simbolo della Pasqua. Il museo è situato in un palazzo in stile liberty, edificato negli anni Venti del secolo scorso per essere utilizzato come sede dell’azienda e ancora adesso inglobato nel complesso dello stabilimento oleario. L’esposizione raccoglie i materiali radunati dalla famiglia Carli in quasi un secolo di ricerche a partire da un primitivo nucleo di utensili per l'illuminazione e l'alimentazione, formato da preziosi lumi a olio ed oliere in argento. Il percorso è suddiviso in dodici sezioni che ripercorrono la storia dell'ulivo nel bacino Mediterraneo, considerato nei suoi aspetti mitici, simbolici, storici, economici, botanici, colturali, tecnologici, commerciali.

Leggi anche: La Liguria meno nota da scoprire in 5 itinerari

Si possono ammirare documenti, reperti archeologici, misure e sistemi di peso, attrezzi e impianti visti nella loro evoluzione tecnica. L’allestimento integra i reperti con ricostruzioni d'ambiente e approfondisce il tema da un punto di vista interdisciplinare: è quindi legato agli usi dei prodotti derivati come quelli alimentari, medicinali, cosmetici ed artistici. Tra i pezzi forti la suggestiva ricostruzione di un frantoio a trazione animale e la stiva di una nave romana con il suo carico di anfore olearie. Nel giardino del museo, fra alberi di olivo secolari, presse e giare provenienti da vari paesi offrono una panoramica dei sistemi di produzione e di conservazione dell'olio nell'area del Mediterraneo. Anche un tratto di terrazzamento è stato ricostruito all’interno del Museo per mostrare come è stato possibile rendere coltivabili le valli liguri ed impiantarvi gli olivi.
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati