Cerca nel sito
artigianato artistico Sicilia tappeto di Erice Trapani arte tessile

Sicilia: 4 cose da sapere sui Tappeti Ericini

In provincia di Trapani si scopre l’arte della "trappita", manufatto tipico dell'artigianato artistico ericino tessuto a mano e decorato con stoffe di recupero

Tappeto siciliano
Courtesy of©infrontphoto/iStock
Tappeto siciliano
Erice, pittoresco borgo medioevale adagiato sulla vetta del Monte San Giuliano, in provincia di Trapani, è un microcosmo in cui aleggia un'atmosfera da fiaba: qui, avvolti tra miti e antiche leggende legate al culto della Dea Venere, si scoprono le sue mille ricchezze, compresa l’arte della tessitura. A fare da protagonisti sono i famosi tappeti ericini, manufatti nati dalla fantasia e dalla manualità di donne abili nell’intreccio di ritagli di stoffe multicolori che, da sempre, cercano di tramandare e di mantenere memoria di quegli antichi saperi cari al territorio che rischiano di perdersi tra le trame del tempo.

LEGGI ANCHE TRAPANI: IL CORALLO E GLI ALTRI GIOIELLI
 
LA TRADIZIONE Quella della Sicilia è una storia particolarmente ricca là dove, tanto nell’architettura quanto nell’artigianato e in molte altre forme artistiche, si riflette l’eredità millenaria lasciata dal passaggio delle innumerevoli civiltà che si sono succedute: per quel che concerne l’arte tessile prezioso fu l’influsso apportato dalla Grecia e dal Medio Oriente che, per mezzo dei traffici marittimi, permise alla Sicilia di specializzarsi nella lavorazione di manufatti pregiati. Verso la fine del XIII sec. cominciarono a svilupparsi i laboratori di produzione della lana e della tessitura della tela, un’attività che continuò ad essere praticata in numerosi centri dell'agro ericino facendo di quello che in un primo momento era solo un passatempo svolto dalle donne nelle ore libere dagli impegni domestici, una vera e propria attività commerciale il cui successo lasciò il segno dal punto di vista culturale ed economico.

LEGGI ANCHE ERICE, IL BORGO CHE FA INNAMORARE
 
LE CARATTERISTICHE Al fine di realizzare quelli che in dialetto sono detti “trappite”, ovvero i tappeti popolari, occorre tempo e pazienza trattandosi di operazioni molto complesse realizzate con tecniche tramandate di madre in figlia come la “frazzata”: sul telaio vengono disposti una serie di fili paralleli attraverso i quali si fanno passare delle strisce di stoffa che, molto spesso, altro non sono che scarti di altre produzioni, il risultato finale? Una vera e propria esplosione di colori solari e motivi geometrici, spesso a zig zig, un rimando a quelle che sono le vie tortuose che portano alla vetta di Erice.
 
IL TERRITORIO Tradizione nella tradizione: in prossimità del Natale, a mettersi in mostra sono i presepi che caratterizzano EricèNatale, appuntamento che va ad impreziosire le stradine della città medievale portando in scena meraviglia come “Il Presepe tra i Tappeti Ericini” di Anna Savalli, un modo insolito di vedere riprodotta la scena della natività.
 
INDIRIZZI L’arte della tessitura fa da secoli parte della cultura e della tradizione artigianale di Erice e, anche se il mestiere delle tessitrici purtroppo non viene più tramandato di generazione in generazione, ci sono ancora donne che si cimentano in quest'arte: è il caso del laboratorio “Antichi Intrecci" di Antonina Coppola che produce tappeti e tessuti ericini fatti a mano, meraviglie pronte a fare il loro ingresso nelle case apportando quel tocco di classe e, soprattutto, di colore tra le mura domestiche.
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100