Cerca nel sito
Italia Sardegna Mogoro tradizioni artigianato tessile arazzi 

Sardegna: 5 cose da sapere sull'arte tessile di Mogoro

Tra tappeti e arazzi, l’identità sarda si scopre facendo visita a preziosi laboratori in cui il tocco femminile è in grado di raccontare il fascino della tradizione

Tessitrici Su Trobasciu, sardegna arazzi, mogoro
Cooperativa Tessitrici Su Trobasciu
Tessitrici Su Trobasciu
La Sardegna è davvero una regione dalle mille risorse. Sono in tanti che, anno dopo anno, la riconfermano come meta ideale in cui trascorrere le proprie vacanze. Sole, mare, storia e artigianato sono il perfetto mix che attende in provincia di Oristano là dove, nella subregione dell'Alta Marmilla, si scopre Mogoro. Si tratta di un’importante vetrina dell’artigianato artistico e tradizionale: ebbene sì, proprio qui si producono manufatti d’eccellenza nati dalla laboriosità delle donne che, con il telaio, danno vita a meraviglie quali tappeti e arazzi ricchi di fantasie cromatiche.
 
LA TRADIZIONE L’arte della tessitura in Sardegna ha origini remote: qui, in questa terra di pascoli, la filatura è stata sicuramente una delle attività più antiche nell'economia del lavoro domestico che vedeva le donne mogoresi impiegare il proprio tempo lavorando al telaio a mano al fine di produrre beni destinati all’uso quotidiano come i tovagliati e le coperte e non solo, interessanti anche i manufatti decorativi come gli arazzi (destinati al corredo) e i tappeti. 
 
LE CARATTERISTICHE Gli arazzi tirano fuori la fantasia e la creatività di ogni donna artigiana in quanto, nel realizzarli, possono sbizzarrirsi con disegni e colori cosa che, in passato, aiutava molto a ravvivare l’ambiente domestico generalmente povero e austero. Il loro lavoro è legato al telaio e, avvalendosi di una tecnica tradizionale di tessitura detta “a bagas”, producono arazzi in cotone, lino e lanette, il tutto impreziosito con fili dorati e argentati. Per quel che concerne i tappeti invece, la tecnica prediletta è quella a “pibiones”, termine dialettale che significa "acino d'uva" ed è utilizzato per indicare quei piccoli anelli di filato che si notano sulla superficie del tessuto in quanto vanno a formare un disegno. A spiccare sono figure geometriche e motivi floreali come la rosa, metafora della femminilità o ancora la peonia, simbolo di ricchezza mentre, il tulipano, rappresenta l’amore perfetto. Non mancano i richiami al mondo vegetale come i tralci della vite con l’uva, la quercia e le ghiande che rimandano a simboli di fertilità, abbondanza, immortalità e virilità nonché al mondo animale: a spiccare sono infatti cervi, intesi come simbolo di mitezza e solarità o i cavalli, incarnazione di forza e nobiltà e ancora colombe, liocorni, cornucopie e fontane, pronti a diffondere messaggi di positività per la vita.
 
IL TERRITORIO I tappeti e gli arazzi di Mogoro sono protagonisti di una famosa mostra che, quest’anno, è in calendario dal 30 luglio al 4 settembre 2016: parliamo della "Fiera del tappeto” un evento che, da oltre mezzo secolo, rappresenta un appuntamento fondamentale per tutti gli appassionati d’artigianato di qualità in quanto racconta il fascino di una cultura millenaria. 
 
INDIRIZZI Uno dei poli di spicco per l'artigianato tessile è il centro di tessitura Su Trobasciu, una cooperativa artigiana unica nel suo genere in quanto è uno dei pochi esempi di imprenditoria femminile e di impresa legata alla conservazione di tradizioni artistiche nel campo della tessitura sarda. Attiva dal 1978, la cooperativa è composta esclusivamente da donne, sette socie che fanno luce su quello che risulta essere un prezioso patrimonio sia sul piano economico, sia su quello antropologico e artistico. Un nome un programma quello dell’azienda Su Trobasciu (il telaio in sardo) in quanto, oggigiorno, questa realtà, lavorando su quindici telai manuali orizzontali, produce non solo arazzi ma sa adeguarsi alle esigenze del mercato producendo anche tappeti, coperte, copriletti, tende, cuscini e bisacce tessuti tradizionalmente a mano. I materiali utilizzati sono tutte fibre naturali ovvero lana sarda, cotone, lino, seta unite ad eccezione dei fili dorati e argentati che impreziosiscono i bellissimi arazzi con motivi tradizionali. Un altro punto di riferimento è il Laboratorio Fatteri che, dagli anni ’80, produce arazzi e tappeti dalle geometrie e dai colori forti e vivaci tipici della lavorazione di Mogoro. Negli ultimi anni questa realtà ha saputo abbinare modernità e innovazione alla lavorazione tradizionale grazie alla collaborazione con una designer che ha dato vita a linee contemporanee per l’arredamento della casa andando incontro alle esigenze del mercato, il tutto garantendo l’unicità di ogni produzione. 
 
Saperne di più su TRADIZIONI
Correlati per regione
Seguici su:
Monumenti nelle vicinanze
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100