Cerca nel sito
HOME  / sport
Montefeltro piste ciclabili vacanze in bicicletta

Cicloturismo nel Montefeltro: 70 km nei dintorni di Urbino

Un percorso suggestivo tra natura e medioevo, perfetto per un tour in bicicletta

Urbino e Montefeltro
 istock
Urbino e Montefeltro
Un mezzo perfetto per scoprire il territorio del Montefeltro, combinando sport e turismo, è certamente la bicicletta. Siamo nelle Marche, nella parte settentrionale della provincia di Pesaro e Urbino, al confine con Emilia Romagna, Toscana e Repubblica di San Marino. Un territorio montuoso, con improvvisi passaggi dalle valli alle ripide risalite collinari, particolarmente affascinante sia per aspetti puramente naturalistici che per la sua storia millenaria. Il tour in bici, proposto dall'ente provinciale per il turismo, è un circuito che parte e arriva ad Urbino, antica capitale del ducato di Montefeltro, per un totale di quasi 75 chilometri e un dislivello di circa 400 metri.



Molti i tornanti nella prima parte del circuito che parte ed arriva ad Urbino

Marzo può certamente rappresentare un periodo ottimo per un'escursione cicloturistica in queste zone, che hanno pagato oltremodo i recenti eventi sismici che hanno colpito il centro Italia. L'assenza quasi assoluta di danni materiali alle bellezze storico-architettoniche non ha impedito una diminuzione dei flussi turistici, mentre potrebbe incoraggiare la riscoperta del Montefeltro in bicicletta. Si può fissare la partenza all'ombra del Palazzo ducale di Urbino, in piazza Mercatale, per iniziare il tour muovendosi in direzione ovest verso Urbania. Dai 420 metri di altitudine di Urbino il tracciato prevede un inizio in discesa, con molti tornanti spesso piuttosto impegnativi. Dopo circa 12 chilometri si sfiora l'abitato di Urbania per poi puntare la cittadina di Sant'Angelo in Vado, rinomata per il valore storico e per il pregiato tartufo bianco. Più avanti, al chilometro 23, si incrocia la cascata del Sasso. E' il punto in cui il fiume Metauro, con il suo fronte largo 60 metri, effettua un suggestivo salto di 15 metri, ed in cui inizia la salita verso il punto più alto del tracciato, a quota 550 metri e a poco meno di 30 chilometri dal via.

Da qui di nuovo in discesa lungo la statale 73 bis per raggiungere la località medievale di Piandimeleto, rinomata anche per le sue bellezze naturali. Siamo a metà del percorso, ma è di fatto l'ultima significativa tappa del circuito. Resta solo da affrontare un ultimo ed impegnativo strappo in salita lungo quasi 10 chilometri. Da Villa Schieti, punto altimetricamente più in basso dell'itinerario a quota 180 metri, si risale nuovamente alla volta di Urbino.
Saperne di più su SPORT
Correlati per regione
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati