Cerca nel sito
Torino sotterranea Grotte Alchemiche 

Torino, quei passaggi verso universi paralleli

Alla scoperta delle Grotte Alchemiche nella magica Torino sotterranea 

Panorama di Torino
istockphotos
Torino
Torino: la città magica, la città esoterica, la città occulta. E la città alchemica. Tra le mille narrazioni, simbolismi, leggende che permeano il capoluogo più misterioso d’Italia, la possibilità che nel suo sottosuolo si celino dei passaggi interdimensionali. Si tratta delle leggendarie Grotte Alchemiche, la cui esistenza si radica non solo nella narrazione popolare, ma negli scritti di numerosi maghi e alchimisti, che nella città vissero e studiarono. Tra loro Noastradamus, Cagliostro, Apollonio di Tyana, Paracelso. 
 
Le Grotte Alchemiche sarebbero collegate dai tunnel sotterranei, che corrispondono a tratti di antichi passaggi segreti fatti costruire dai regnanti di casa Savoia per raggiungere diversi punti della città in sicurezza. Alcuni dei tunnel sotterranei sono reali, ma le tre porte verso altre dimensioni rimangono da secoli oggetto di mito e leggenda. 
 
Si tratta di ‘porte’ verso altre dimensioni, luoghi di grandissima potenza energetica, ma la loro precisa ubicazione è parte del mistero. Secondo le teorie, una delle grotte magiche si troverebbe sotto Palazzo Reale, in un punto che è vertice della magia bianca della città (e del triangolo che la unisce con Praga e Lione). Un tunnel più che una porta, che sarebbe collegato con Piazza Statuto, dove si trova invece il ‘cuore nero’, ovvero il vertice del triangolo di magia nera che Torino forma con Londra e San Francisco. 
 
Un’altra grotta alchemica si troverebbe quindi a Piazza Castello, precisamente sotto Porta Fibellona, e arriverebbe fino alla Chiesa della SS. Annunziata, passando sotto Via Garibaldi e Via Po. Secondo la leggenda, il tunnel spazio temporale continuerebbe fino alla Chiesa della Grande Madre, già di per sé oggetto di miti legati a culti pagani ed esoterici. Infine, la terza grotta sarebbe così inespugnabile da non essere mai stata identificata da nessuno. Perché al suo interno si troverebbe niente meno che la pietra filosofale. 
 
Saperne di più su Segreti d'Italia
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100