Cerca nel sito
Valencia weekend cosa fare e vedere informazioni utili

Valencia, 5 consigli per organizzare un weekend

Le informazioni utili per andare alla scoperta della terza città della Spagna

Valencia, centro storico
©iStockphoto
Valencia, Plaza del Ayuntamiento, centro storico
COME ARRIVARE L’aeroporto si trova a circa 8 chilometri dal centro città ed è facilmente raggiungibile dall’Italia con voli quotidiani da Milano, Bergamo Orio al Serio, Roma, Bologna, Trieste, Torino e Venezia grazie ai collegamenti di Ryanair, Vueling e Alitalia. La Metrovalencia collega l’aeroporto con linee, n.3 e n.5, che arrivano al centro in circa 15 minuti. In alternativa ci sono anche autobus, navette e taxi.

DA VEDERE Visitando il centro storico si può partire da Plaza de la Reina su cui si affaccia la Cattedrale, dove non si può mancare di salire sul campanile per ammirare il panorama fino al mare e quello che è considerato il Santo Graal. Edifici antichi, in stile liberty e art recò, fiancheggiano i vicoli e le piazzette. La Lonja è un ex luogo di commercio che sembra un castello. Il mercato, il Museo della Ceramica e le antiche porte della città sono altre attrazioni da non perdere. Il Complesso di edifici moderni realizzati da Santiago Calatrava che compongono la Città delle Arti e delle Scienze è un luogo incredibile dal design insolto. Qui si trova anche l’Oceanografico, uno degli acquari più grandi del mondo. Il progetto di Calatrava è stato ricavato in quello che era il letto del fiume, trasformato nel parco chiamato Jardines del Turia, lungo 11 chilometri. Anche il Bioparco è un’attrazione particolarmente famosa di Valencia, in quanto gli animali che provengono da diversi paesi ed habitat convivono alla perfezione in luoghi dove le barriere che li dividono sono naturali. Altra zona frequentata sono le spiagge e la Marina Real: sul lungo Paseo Maritimo si incontrano locali storici tra cui La Pepica, frequentato dai Reali di Spagna e da Hemingway durante il suo soggiorno. 

Leggi anche: Valencia, massaggio al bambù in riva al mare

COSA COMPRARE Ci sono molti negozi che vendono di tutto. Si possono trovare dalle cose più tradizionali a quelle più moderne: che siano oggetti di antiquariato, vestiti di alta moda, gioielli, oggetti di design, prodotti enogastronomici e di qualità. Per gli oggetti e il design il centro storico è una delle zone più popolari. Per abiti all’ultima moda e arte il distretto di Carmen è il più indicato. Il Central Market è ideale per i gioielli, Plaza Redonda è rinomata per gli oggetti fabbricati a mano mentre per quelli in pelle anche Calle de las Cestas. 

DA EVITARE I borseggiatori colpiscono soprattutto nei locali pubblici, quando si lasciano incustoditi giacche, portafogli, telefoni e macchine fotografiche. Bisogna assicurarsi, quindi, di chiudere bene le borse nel Mercato Centrale, in Metro, nella zona della Cattedrale e di notte sul lungomare e nel Barrio del Carmen. Nei ristoranti, soprattutto nei fast food, evitare di lasciarle incustodite sulle sedie e sui tavoli.

CURIOSITA’ A Valencia sono ufficiali due lingue, il castigliano, quello che solitamente definiamo spagnolo, e il valenciano, che è una variante del catalano, la lingua parlata a Barcellona e, più in generale, in Catalogna. Il governo cerca di incoraggiare l’uso della lingua locale: i cartelli della metro, ad esempio, sono scritti in valenciano, con la traduzione in castigliano, scritta a lato. Anche la televisione ha due canali che trasmettono solo in valenciano: il Canal 9 e Punt Dos.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Spagna
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100