Cerca nel sito
New York location film La ragazza del treno Upstate Irvington Hudson

Upstate New York, in viaggio con La ragazza del treno

Il thriller di Tate Taylor ci porta lungo la Hudson Line alla scoperta dei sobborghi più belli vicino alla Grande Mela

01 Distribution
Avrebbe dovuto svolgersi nel Regno Unito, tra Londra e dintorni, ma l'adattamento del libro omonimo di Paula Hawkins nel La ragazza del treno cinematografico diretto da Tate Taylor (The Help) non ha saputo resistere al fascino degli States. Di New York, in particolare. Stavolta però non siamo all'ombra del solito skyline cittadino della Grande Mela, né tra le location più affascinanti della intrigante Brooklyn (come la Coney Island di Nick Hornby o la Williamsburg di Gustavo Ron), bensi nella parte più sconosciuta di New York, intesa come Stato: la più citata che visitata cosiddetta 'Upstate'...

"Non sono molto preoccupata dello spostamento - aveva detto la stessa autrice, della decisione della Dreamworks. - Credo sia il tipo di storia che possa svolgersi in ogni città di pendolari". "Ovviamente ero nervosa - ha detto, inoltre. - Vuoi sempre che tutto venga bene, e speri che lasci agli spettatori una impressione simile a quella data ai lettori". Magari aggiungendo qualcosa, quella "perfezione delle case dalle staccionate bianche fatte con lo stampino" da sobborgo statunitense, come fa notare la protagonista Emily Blunt.

Quello il panorama che la produzione ha scelto per le riprese, svoltesi tra il novembre del 2015 e la fine del gennaio seguente (a parte quelle effettuate su un treno vero e proprio o sulla carrozza ricostruita negli Studios di Westchester County, a nord di Manhattan). Ma prima di scegliere, lo scenografo Kevin Thompson e il location manager Joe Guest hanno percorso a lungo le linee della Metro North e della Long Island Rail Road lines per trovare gli sfondi giusti. Che si sono rivelati quelli della Hudson Line, che va da Manhattan alle contee di Westchester, Putnam e Dutchess.

"Era chiaro che non volevamo far credere di essere a Londra, ma dovevamo trovare il treno giusto per la nostra storia a New York - ha spiegato Thompson, approfondendo alcuni tratti del percorso scelto… - Fin dall’inizio è un bel percorso, proprio lungo il fiume, poi sull’altro lato ci sono piccole e ridenti comunità cittadine. È fantastico girare un thriller in un’area dall’aspetto così tranquillo e bucolico". Ed è anche per questo che il lungo viaggiare della nostra Rachel, disoccupata e separata, ossessionata dalla coppia che osserva dal treno ogni giorni, acquista un senso ulteriore. Un fascino particolare. Che sostiene il tono thriller della vicenda in cui bugie e verità si intrecciano in un crescendo inquietante, in cui nulla è come appare. Per chi vorrà ripetere quell'esperienza o 'fermare' quel treno, sarà bene sapere che colline e centri che vediamo correre fuori dai finestrini sono quelli dei vari Hastings-on-Hudson e Irvington (scelta per le scene alla stazione di Polizia e del tunnel pedonale di Spiro Park che Rachel attraversa), Dobbs Ferry (per la palestra Pilates and More studio di 129 Main St.) e Ardsley (località dove si è girato anche in strada) o della Pleasantville dove è situata la casa del dottore.

Con la certezza di poter contare sulla meravigliosa Grand Central Station (e il suo Oyster Bar dall'inconfondibile tetto) al nostro arrivo nella città dei sogni per molti italiani, toccata anche dal film. Come conferma ancora Thompson parlando del regista - "Tate ha voluto che Rachel arrivasse in città perché il Grand Central era parte della sua vita in passato; ora è il posto dove passa le giornate" - e come dimostra l'apparizione della Untermyer Fountain di Central Park, in cui tre ragazze felici si tengono per mano e danzano intorno al getto d’acqua. Scelta non a caso, come scopriamo nella ulteriore chiosa sempre dello scenogrfo: "Tate ha legato l’idea delle tre donne della scultura con le tre donne della nostra storia. È stato questo elemento poetico che ha visto in quella fontana".

Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100