Cerca nel sito
Zurigo Street Parade e attrazioni

Svizzera, la Street Parade che infuoca Zurigo

La più grande manifestazione open air di musica in territorio svizzero ed una delle più grandi d’Europa per numero di partecipanti è una bella occasione per partire alla volta di Zurigo

Panorama di Zurigo
©iStockphoto
Veduta di Zurigo
Gli appassionati di musica sono in attesa della 24esima Street Parade in programma a Zurigo per sabato 29 agosto, a partire dalle 13 fino alla mezzanotte. Si tratta di una delle più grandi manifestazioni d’Europa per numero di partecipanti, creata per diffondere un messaggio di amore, pace, libertà, generosità e tolleranza nelle strade, che trasforma la città in un’enorme discoteca a cielo aperto dove sono attesi artisti e Dj di tutto il mondo. C’è il palco riservato alle nuove tendenze, quello dedicato a DJ svizzeri, lo stage dei Dj internazionali, lo scenario destinato ai concerti dal vivo ed altri quattro stage statici, oltre alla celebre parata che sfila lungo un percorso di 2,4 chilometri.

Leggi anche: ZURIGO, L'EXPO VARCA IL CONFINE 

Ecco dunque l’occasione per trascorrere un weekend davvero effervescente in territorio elvetico e andare alla scoperta della città accompagnati da un’atmosfera davvero inebriante. Si può incominciare di mattina percorrendo la Bahnhofstrasse, paradiso per gli appassionati di shopping che vedono sfilare le boutique delle migliori marche internazionali che si alternano a gioiellerie e negozi di orologi. Partendo dalla stazione in direzione del lago si giunge in poco tempo alla St. Peterskirche, la più antica chiesa cittadina, con l’alto campanile ornato da un orologio di 8 metri di diametro, uno dei più grandi del Vecchio Continente. Segue la Fraumunster, cattedrale duecentesca celebre per le sue cinque colorate vetrate istoriate dell’abside opera di Marc Chagall, ma che affascina anche per il suo impianto tipicamente gotico mescolato ad alcune componenti architettoniche di impronta romanica. L’antico Duomo, il Grossmunster, si erge dall’altro lato del Limmat ed è intitolato ai due santi Patroni  Regula e Felix e contraddistinto dalle due torri gotiche che troneggiano ai lati della facciata, con le cupole di epoca barocca. Il pomeriggio si può dedicare ai musei vista l’ampia proposta: al Kunsthaus, il museo di arte antica progettato dall’architetto Karl Moser in Heimplatz, si ammirano collezioni artistiche diverse tra di loro, che partono dal Medioevo fino ad arrivare ai giorni nostri e comprendo una sezione che ospita anche artisti moderni come Picasso, Giacometti, Van Gogh e Munch. Gli stessi autori che si aggiungono alla Collezione Buhrle assieme a Cezanne, Matisse, Modigliani e altri ancora.

Leggi anche: ZURIGO, IL MIGLIO DEI GOLOSI 

Tra i musei meno celebri ma non meno interessanti ci sono il Beyer Museum, incentrato sulla misurazione del tempo, che racconta la storia e l’evoluzione dei vari dispositivi, dalle candele nel Medioevo fino agli orologi più moderni. Il Padiglione di Le Corbusier e il Museo Heidi Weber sono il paradiso per gli appassionati di architettura, mentre per chi preferisce la letteratura imperdibile è la James Joyce Foundation, intitolata al grande scrittore irlandese che durante la sua permanenza a Zurigo scrisse l’Ulisse. La sera ci si reca a Zuri West, cuore pulsante della vivace vita notturna della città, costellata da locali affollati, ristoranti, bar ed alberghi. Il giorno successivo non rimane che dedicarsi alle aree verdi e a quelle della Zurigo sull’acqua, con la stagione estiva che porta i bagnanti lungo il lago e sulle zone balneabili del Limmat.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Svizzera
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100