Cerca nel sito
viaggi Corea del Sud tour informazioni utili

Corea del Sud, non solo Taekwon-do

Culla di una delle arti marziali più note, la Repubblica Coreana vanta origini antiche, tradizioni importanti e panorami ricchi di montagne verdi

Tempio coreano<br>
© Openmindconsulting
Corea del Sud, tempio
Paesaggi incredibili su cui fanno capolino alte montagne, verdi vallate, templi, palazzi e antichi monasteri. La Corea del Sud, incastonata tra Cina e Giappone, offre una natura tutta da scoprire, e si rimane contagiati anche dalla cordialità del popolo coreano che, pur aperto all’Occidente, mantiene salde le antiche tradizioni e le festività popolari.

VIAGGIO IN COREA DEL SUD: LE FOTO DEL REPORTAGE

PERCHE’ ANDARE. Non tutti sanno che il Taekwon-do è un’arte marziale nata proprio in Corea che vanta origini antichissime: non è solo un metodo di difesa basato sull’uso di pugni e calci, ma anche uno stile di vita volto alla conoscenza del proprio io. I veri appassionati non possono perdersi la visita al centro mondiale di Taekwon-do, nella Valle di Muji, inaugurato nel 2013. Il Taekwon-do Park è un luogo unico, dove gli atleti di tutto il mondo possono allenarsi e approfondire la loro formazione culturale. La struttura, costruita collegando nove valli alle quali si accede con ponti panoramici davvero spettacolari, è divisa in tre aree dedicate allo spirito, alla mente e al corpo.

Leggi anche: GYEONGJU AUN PASSO DALL'ILLUMINAZIONE

DA NON PERDERE. La capitale Seuol è una megalopoli ricca di edifici scintillanti, grattacieli, come la Torre di Seuol e centri commerciali tra cui il noto Lotte World. Porta Namdaemum è il vero gioiello cittadino, cosi come affascinante è il Palazzo Anggyonggung, prima residenza reale e poi rimasto in uso come parco. Lontani dal caos della grande metropoli vale la pena scoprire città come Gyeongju, che annovera tra le sue vestigia la più antica pagoda del paese, le rovine di Weolseong, e, appena fuori, i templi di Bulguksa e la grotta di Seokguram, Patrimonio Mondiale Unesco. Poco conosciuta è Andong, che conserva una delle scuole confuciane più antiche e prestigiose della Corea. Dovendo scegliere tra i venti parchi naturali uno dei più belli è quello di Seoraksan in cui si possono ammirare delle splendide cascate, o quello di Wolchulsan. Presso Gayasan è possbile visitare il tempio più noto e frequentato del paese, Haeinsa. Tra gli spettacoli naturali di Geumgangsan ci sono  le cascate di Guryong e il lago Samilpo, mentre l’isola di Ullungdo, dalla natura incontaminata, permette di effettuare escursioni di snorkelling e visite ai villaggi dei pescatori locali. Gli appassionati di archeologia non possono mancare la visita a Kyongju, la capitale dell'antichissima dinastia Silla, dove il Tumuli Park ospita più di 20 tombe degli antichi sovrani. Chi ama invece la tecnologia a Yongsan si trova il mercato dell’elettronica.

Leggi anche: ORE PICCOLE A SEOUL PER GRANDI AFFARI

CON CHI ANDARE. TOAssociati propone un viaggio di 13 giorni/ 12 notti che prevede tappe al nuovo centro mondiale di Taekwon-do, Seoul, villaggi tradizionali come quello di Jeonju Hanok, antichi templi e santuari come quelli di Haeinsa, Busan e Bulguksa, le  colline brillanti di Boseong, dove si trovano magnifiche piantagioni di the verde. Procedendo verso nord-est si raggiungere il Monte Seorak, una delle zone montuose più belle della Corea e, infine, il Parco Nazionale di Seorak per ammirare il più antico tempio zen della Corea del Sud. La quota parte da 4390 euro a persona in camera doppia, e comprende voli intercontinentali di linea in classe economica da Roma e Milano, accompagnatore dall'Italia, guida locale, tutti i trasferimenti con mezzi privati, la pensione completa, hotels 4 stelle, visite ed escursioni, due spettacoli tipici, ingressi per le visite e le escursioni come previsto nel programma, assicurazione medico-bagaglio, documenti di viaggio. Per chi desidera organizzare il proprio viaggio autonomamente ci sono diverse soluzioni per i voli: tutte le compagne europee più conosciute prevedono almeno uno scalo. Alitalia, per esempio, propone tariffe a partire da 685 euro con scalo a Parigi, Aeroflot partenza da Roma con scalo a Monza a partire da 692 euro.

COSA PORTARE. Il periodo migliore per visitare la Corea è quello che va da settembre a novembre, poiché in estate il è clima particolarmente caldo e umido e ci sono i tifoni. L’abbigliamento deve essere pratico, comodo e leggero, che preveda una vestizione a strati. Da non dimenticarsi il repellenti per zanzare e insetti.

Leggi anche: HI-TECH ED ELISIR DI LUNGA VITA: DALL'AEROPORTO AI MERCATI DI SEOUL

CURIOSITA’. L’arte marziale da cui deriva il Taekwon-do era chiamata “Taek Kyon” e si diffuse molto rapidamente tra i guerrieri impegnati a combattere le invasioni dei pirati che minacciavano la stabilità dei tre regni della Corea. Letteralmente la parola coreana Tae Kwon Do divisa in tre ideogrammi, è l’arte (do) di calciare in volo (tae) e colpire di pugno (kwon). Sport nazionale della Corea del Sud, il Taekwon-do si diffuse successivamente in tutto il mondo. Nel 1973 fu fondata l’organizzazione mondiale, la WTF (World Taekwondo Federation), unica federazione riconosciuta ufficialmente dal governo della Corea del Sud, nel 1998 apparve come sport dimostrativo alle olimpiadi di Seul e nei Giochi Olimpici di Sidney nel 2000 è divenuto finalmente sport ufficiale.

Add to Flipboard Magazine.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Corea del Sud
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100