Cerca nel sito
Maiorca vacanze natale 2015 Canto della Sibilla

Natale alle Baleari: Maiorca con il Canto della Sibilla

Lo spettacolo Patrimonio Immateriale dell’Unesco è un esempio vivo del folklore religioso medievale delle isole spagnole

Cattedrale di Palma de Maiorca
©iStockphoto
Isole Baleari: cattedrale di Palma de Maiorca
Si pensa alle Isole Baleari e a Maiorca quasi esclusivamente per un soggiorno estivo, quando l’isola maggiore è presa d’assalto dai turisti di ogni parte del mondo. Eppure, grazie anche al clima sempre mite, ogni periodo dell’anno va bene per dedicarsi un weekend spagnolo, e ancor di più se si ha voglia di trascorrere qui le vacanze natalizie. Infatti, il 24 dicembre di ogni anno, le chiese dell’isola celebrano la messa di mezzanotte per commemorare la nascita di Cristo allietata dal Canto della Sibilla. Si tratta di un brano medievale che profetizza la fine del mondo, uno spettacolo tradizionale dichiarato Bene immateriale d’interesse culturale: il canto è intonato da un giovane privo di accompagnamento musicale salvo l’organo, affiancato da almeno due chierichetti, vivo esempio del folclore religioso medievale.


Ecco dunque un valido motivo per visitare Maiorca, con le sue attrazioni cariche di interesse storico, naturalistico e culturale. A Palma de Maiorca, la capitale, si incomincia in mattinata con una passeggiata tra le tipiche stradine del centro che si perdono tra le alte pareti dei vecchi edifici e che portano a visitare la Cattedrale, icona di architettura gotica del Mediterraneo, che ospita la Puerta del Mirador, la Cappella della Trinità e il Museo Gotico e la cui maestosa struttura domina l’intero skyline di Palma. Si prosegue con il Palazzo Reale Almudaina, altra meraviglia dell’arte gotica, dove si trova la Cappella di Santa Ana e numerose opere d’arte. Il pomeriggio si può dedicare al Castillo de Bellver, costruito sopra la baia a 150 metri di altezza, in mezzo ad una foresta di pini: è formato da un patio centrale circondato da quattro torri a forma cilindrica.

Guarda le foto delle ISOLE BALEARI

In spiaggia si può andare anche la sera, quando la vita pullula tra i numerosi locali e ristoranti sul mare. Il giorno successivo per ammirare qualcosa di alternativo si possono visitare le Cuevas de Genova, grotte scoperte nel 1906, oppure scegliere tra le altre interessanti località come Pollenca, situata a nord-ovest dell’isola, Puerto de Antrax, angolo naturale di rara bellezza contornato da insenature e scogliere. Oppure recarsi a Valldemossa, un villaggio a 17 chilometri da Palma, che si inerpica tra le montagne della Sierra Tramontana, in un luogo paradisiaco ricco di sorgenti, vegetazione lussureggiante, olivi e mandorli.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100