Cerca nel sito
Sri Lanka viaggi cosa vedere

Sri Lanka, cosa fare secondo il Daily Express

I must di un viaggio nell'isola indiana secondo l'editorialista Hannah Britt

Sri Lanka, statue del Tempio d'Oro di Dambulla
©iStockphoto
Sri Lanka: Tempio d'oro di Dambulla, statue nelle grotte
Tartarughe marine
Sono centinaia le piccole tartarughe che corrono l’una sull’altra per essere le prime a raggiungere il mare. Alcune hanno appena tre giorni di vita. E’ il progetto di conservazione della tartaruga marina di Kosgoda, il Kosgoda Sea Turtle Conservation Project, nella zona meridionale dell’isola. Questo progetto è in corso dal 1988 e l'obiettivo principale è quello di monitorare l'attività locale delle tartarughe marine, conservare i siti di nidificazione locali e far rendere il pubblico più consapevole di quanto queste creature siano in via di estinzione. In questa zona vengono a deporre le uova ben 5 diversi tipi di testuggini. Le uova sono raccolte e salvate, per essere covate a distanza di sicurezza dai predatori prima di essere rilasciate in mare di notte. Le vasche hanno l' acqua pulitissima e gli animali sono divisi per età. In questo vivaio è stata allestita anche una vasca dove vengono curate le tartarughe ferite, anche quelle adulte.

Surf
Le spiagge dello Sri Lanka sono il paradiso di chi pratica il surf, sia novizi che esperti. Assieme al cricket è considerato quasi lo sport nazionale. Le spiagge della costa occidentale sono piuttosto grandi e la corrente è generalmente meno forte. Le onde sono in genere piccole e lunghe, perfette per chi è alle prime armi. I luoghi più frequentati della costa occidentale sono Hikkaduwa con Man Reef, Beach Break, North Jetty, Unawatuna, Mirissa, Midigama, Tangalla. Sulla costa orientale, le onde sono spesso più forti e più corte e la zona è spesso limitata per via della presenza della barriera corallina lungo la costa. Per i più esperti, questa è la zona maggiormente alettante anche per la presenza di spiagge più selvagge ed incontaminate. Qui le spiagge più famose sono Arugambay e dintorni con Pottuvil Point, Crocodile Rock, Elephant Rock, Whisky Point.

Leggi anche: Sri Lanka: 5 cose da sapere prima di partire

Safari
Il Parco Nazionale di Yala, una regione selvaggia di 130.000 ettari sulla punta sudorientale, ospita 44 varietà di mammiferi e 215 specie di uccelli. È considerato uno dei posti migliori del mondo per vedere i leopardi. Tra le pianure aperte elefanti selvatici e bufali pascolano tranquilli tra erba e buche fangose ??con coccodrilli e cinghiali e cervi che sbucano dalla fitta foresta, casa di scimmie e luogo dove si rinfrescano i felini. Il safari in Jeep è un’esperienza indimenticabile. 

Il tè
Quella del tè è una delle tradizioni più note dello Sri Lanka. Secondo le stime del World Tea Council il paese esporta circa 340 milioni di chili di tè all’anno. Un viaggio tra le colline verde smeraldo di Bogawantalawa, conosciuta come Golden Valley of Tea, è un must per tutti i viaggiatori. Se proprio non è in programma, bisogna almeno fermarsi al salone del tè Bayleaf di Colombo. Gli scaffali dal pavimento al soffitto traboccano sotto il peso di centinaia di contenitori di tè in metallo. Dal cioccolato al lemongrass e liquirizia dolce, infinti sono i sapori con cui deliziarsi il palato. 

Templi
La capitale culturale dello Sri Lanka è Kandy, un’antica città della provincia centrale. Circondata da colline e da idilliache piantagioni di tè ospita la maggior parte dei siti storici del paese ed è stata infatti eletta a Patrimonio dell’Umanità. Grazie soprattutto alla reliquia buddista più importante dello Sri Lanka, ovvero il dente del Buddha racchiuso in un santuario dorato. Il Tempio del Sacro Dente è un grande complesso da visitare vestiti con abiti lunghi e a piedi nudi, composto dal tempio principale che contiene la sacra reliquia (che si vede, però, solo da lontano e in certi momenti della giornata) e un edificio a tre piani più recente, l’Alut Maligawa. A nord di Kandy si trova il Tempio d’oro di Dambulla, il tempio di roccia meglio conservato del paese, con torri di 160 metri che sovrastano le pianure circostanti ed oltre 80 grotte nel circondario. Ospita 153 statue del Buddha oltre a quelle di re ed altre divinità. 

Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100