Cerca nel sito
Portogallo pollo ricetta

Piri piri, il pollo (piccantissimo) del Portogallo

Ecco il mix di spezie che rende unica questa ricetta portoghese 

Pollo piri piri
iStock
Pollo piri piri
Un nome particolare quello del pollo piri piri, un secondo piatto incluso ormai nella tradizione culinaria portoghese. Il nome del pollo, piri piri o pili pili a dir si voglia, è di origine africana e significa “peperoncino”. Proprio per il suo ingrediente principe, un tipo molto piccante, noto come "African bird's eye". A confermare ciò si racconta che i coloni portoghesi li importarono da Angola e Mozambico, nel tempo in cui erano colonie del Portogallo. 
 
I peperoncini, frullati assieme a paprika, aglio, olio e altri ingredienti, producono una salsa densa e colorata dal sapore deciso. Ed è questa la salsa che regala al secondo piatto il caratteristico sapore, allorché viene aggiunta durante la cottura, secondo quanto la ricetta suggerisce. La seconda peculiarità di questa ricetta è la presenza di un pollo intero. Va diviso in due parti ma non disossato o spellato. Va aperto per bene e fatto cuocere sulla piastra o griglia. La salsa piccante, aggiunta, esalterà il sapore delicato della carne bianca. 
 
Qual è il procedimento per la preparazione della salsa per la marinatura? I peperoncini, privati dei semi vengono tagliati, quindi inseriti nel frullatore assieme all’aglio sbucciato, al coriandolo, all’olio, al succo di limone, allo zenzero, alla paprika e a un po' di sale. Il tutto viene frullato finché si ottiene una salsa. E’ consigliabile assaggiarla in modo che il sapore soddisfi i gusti personali. 
 
Si passa alla preparazione del pollo che sembra facile, ma non lo è affatto. Si poggia sul tagliere e, servendosi di un coltello oppure di un trinciapollo, si taglia a metà lungo il petto. Occorre fare attenzione perché le ossa non si devono rompere. Facendo un po’ di forza con le mani, si apre per bene il pollo, si schiaccia appiattendolo sul tagliere e  si praticano con un coltello piccoli tagli su cosce e sovracosce. Questa è la posizione che il pollo deve mantenere per tutta la cottura.
 
Ma la giusta apertura sarà garantita se si infilza il pollo con degli spiedi in legno ad X. Subito dopo si spennella su ogni sua parte in maniera omogenea, con abbondante salsa di marinatura. Quindi si ripone in frigorifero per almeno un’ora. La marinatura, comunque, può durare persino per una notte intera. Il pollo piri piri raggiungerà la giusta cottura in un forno preriscaldato a 200° C, dopo circa 30 minuti. Uno spiedino di legno infilzato senza aver trovato resistenza nella carne, ne sarà la garanzia. Ma per una doratura su entrambi i lati è opportuno utilizzare il grill per qualche minuto. In ultimo la salsa piri piri avanzata dalla marinatura, patate e insalata verde, completeranno il pollo ormai pronto per essere servito.
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Portogallo
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100