Cerca nel sito
Inghilterra Newcastle location film Daniel Blake Ken Loch Nuneaton 

Newcastle, tutto il mondo di Daniel Blake 

Arriva in sala il vincitore della Palma d'Oro di Cannes: una storia comune, come l'ambientazione che la ospita, capace di emozionare

Cinema di Valerio De Paolis
Cinema di Valerio De Paolis
Io, Daniel Blake di Ken Loch arriva annunciato come "baluardo di resistenza". Un termine poco utilizzato al giorno d'oggi, ma che torna d'attualità ogni volta che si parla dei film del regista inglese. Uno dei pochi ad aver meritato una Palma d'Oro al festival di Cannes e che continua a mettere in scena il mondo che conosce, troppo spesso rappresentato solo nei suoi aspetti tragici o vanamente idealizzato… Non è a caso, quindi, che il figlio di operai di Nuneaton, nella contea del Warwickshire, abbia scelto di restare a un centinaio di chilometri da casa per ambientare questa odissea moderna, nella quale Newcastle svolge un ruolo fondamentale.

Questo è il teatro delle storie di Daniel Blake, cinquantanovenne falegname in attesa di un sussidio statale dopo una grave crisi cardiaca, e di Katie, madre single con due bambini piccoli la cui unica possibilità di sfuggire alla vita in una camera di un ostello londinese per senzatetto è quella di accettare un appartamento in una città che non conosce, a cinquecento chilometri di distanza da Londra. Mentre lei non riesce a trovare impiego, a lui il lavoro è proibito dal medico e insieme obbligato da parte del governo, pena una severa sanzione. Uno dei paradossi della moderna Inghilterra, soffocata da un sistema burocratico che divide la popolazione tra chi lavora duro e chi sfrutta i sussidi statali pur di non lavorare, come spiega il film. Che ne fa uno spunto per il racconto della nascita di un legame tra esseri umani che forse non avrebbe avuto le stesse possibilità altrove.

"La fonte di ispirazione più immediata per questa storia è la telefonata di Ken, - rivela lo sceneggiatore Paul Laverty parlando del 'vecchio' regista - che mi chiese di andare con lui a visitare Nuneaton, il luogo in cui è cresciuto; Ken è a stretto contatto con un'organizzazione a scopo benefico che si occupa di senzatetto. Abbiamo conosciuto operatori sociali davvero fantastici che ci hanno presentato alcuni dei giovani con cui lavorano. Durante il viaggio nel paese, passando da un contatto all'altro, abbiamo sentito molte storie". "Le possibilità erano infinite - continua. - I personaggi avrebbero potuto essere simili ai giovani di Nuneaton che si danno da fare come meglio possono, rischiando di diventare senzatetto a causa dei contratti zero ore. I personaggi di Daniel Blake e Katie Morgan non si basano su nessuna delle persone che abbiamo conosciuto. Sono completamente fittizi, ma contengono tutto ciò di cui ho parlato finora, se non addirittura di più. I due personaggi sono ispirati alle centinaia di uomini e donne dignitosi, e ai loro bambini, che hanno condiviso le loro storie più intime con noi".

"Persone intelligenti e capaci, persone impaurite, persone più anziane" che popolano Newcastle e - insieme a essa, ovviamente - le location del film; comuni a tante piccole località britanniche, certo, eppure la cornice del North Westl'appeal giusto alla storia. Rendendo inoltre ogni luogo, anche il più insospettabile, una potenziale meta turistica. Persino un sobborgo fatto di piccoli appartamenti e muri di mattoni. Persino il Centro di Collocamento, dove molte scene si svolgono, in realtà creato alla Portland House su New Bridge Street West, sul lato opposto alla Laing Art Gallery sulla Blue Carpet square e vicina alla scala che porta al ponte pedonale. O la Biblioteca Centrale (dove Dan si reca in cerca di moduli), il Food Bank Centre su Benwell Lane (dove anche la fila di persone in attesa era quella vera) o la segheria, specificatamente quella della MH Southern & Co di Church Bank (fondata nel 1913 e spostatasi da Newcastle a Jarrow nel 1960). Meno facile sarà ritrovare gli appartamenti di Dan e Katie (il primo su Grenville Terrace, tra il Tyne Bridge e il complesso dell'Ouseburn, il secondo a Shieldfield, su Wretham Place tra la Biscuit Factory art gallery e il campus della Northumbria University), ma se sarete fortunati…


Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Regno Unito
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100