Cerca nel sito
Moules et frites piatto tipico Belgio ricette con cozze

Moules et frites, le cozze alla belga

Secondo le tradizioni locali il piatto va mangiato solo se nel mese in corso è contenuta la lettera "r"

cozze e patatine fritte
iStock
Moules et frites
Cozze alla belga: uno dei piatti più rappresentativi della gastronomia di questo paese. È di sicuro conosciuta a tutti la provenienza degli scuri mitili che vengono pescati nelle acque del Mar del Nord lungo la costa di Ostenda, dove vengono utilizzate per arricchire un altro celebre piatto: la sogliola, sole à l’ostendaise, con crema di vino bianco, cozze e gamberetti.

FOTO: LE NAZIONI MIGLIORI PER LE DONNE CHE LAVORANO (Stile.it)
 
A Bruxelles il piatto tipico nazionale è senza ombra di dubbio moules et frites, cozze e patatine fritte. Le cozze cucinate nel brodo o nella birra sono la specilità dei ristoranti del Belgio, soprattutto se accompagnate da una grande dose di patatine fritte.
 
L’origine delle patatine che accompagnano il piatto rimane ancora oscura, si contendono la paternità tra Belgio-Francia. Una città francese, Lille, si è prepotentemente appropriata del piatto e ne ha fatto il simbolo della Grande Fiera cittadina di settembre. Ed è ad una fiera che tutto ebbe inizio. Le cozze alla belga nacquero in Belgio poprio sotto un baraccone nel lontano 1875, ma il matrimonio culinario non sarebbe mai avvenuto se prima non fossero nate le patatine fritte. E la responsabilità di tutta la faccenda va attribuita a un tedesco, di nome Fritz Krieger che lavorava nelle cucine di un ristorante parigino, salito agli onori delle cronache culinarie per via delle patatine fritte. 

Leggi anche: VENETO, IL MITILE DEL DELTA DEL PO
 
Fritz trasformò le patatine in una prelibatezza da fiera. E cominciò a farsi chiamare Mr. Fritz, giocando sull’assonanza fritz-frites. Il gradimento fu tale che alla fine nacquero le cozze alla belga che pare si possano mangiare solo in determinati mesi dell’anno il cui nome termina in “bre”. O meglio, in quel periodo le cozze sarebbero più saporite, come sostiene un’altra tradizione secondo cui le ostriche di Ostenda a causa del loro nome francese, huitre, si possano mangiare solo negli otto mesi, huit, contenenti una “erre” come settembre, aprile, marzo.

Leggi anche: CAVOLETTI DI BRUXELLES, GERMOGLI D'INVERNO (Stile.it)
 
Le varietà di cozze alla belga sono tantissime, dalle moules marinieres, le cozze marinate, le moules al vin blanc, al vino bianco, le moules à la provencale, con il pomodoro e le moules à la biere, cotte nella birra e nella panna. Tutti i locali offrono questa specialità locale, ma per riconoscere le vere moules et frites è necessario cercare dei buoni ristoranti a Bruxelles ed evitare i quartieri più turistici.
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Belgio
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati