Cerca nel sito
Liverpool International Festival of Pshychedelia 2014

Liverpool psichedelica

Non solo Beatles: il 26 e 27 settembre la città inglese ospita il festival europeo psichedelico per eccellenza, dove si viene catapultati in un’altra dimensione

Albert Dock<br>
© Thinkstock
Liverpool, arcobaleno su Albert Dock
Innegabile è il legame che unisce la città di Liverpool ai Beatles: è qui infatti che sono nati e cresciuti i Fab Four e si è fatto strada il loro mito. Quello che è stato il più grande porto dell’Impero Britannico e che oggi è una metropoli seconda solo a Londra per il numero di musei e gallerie d’arte, trapela musica di ogni tipo ad ogni angolo e non è un caso che venga considerata la città pop per eccellenza. Ma non risuona di sola musica pop.

Se quest’anno sono esplosi numerosi psych fest in tutto il mondo, c’è da dire che il Liverpool International Festival of Pshychedelia è il festival psichedelico per eccellenza, pronto ad infuocare l’atmosfera il 26 e 27 settembre. Dietro questo grande evento c'è Rocket Recordings, etichetta devota ad allucinazioni sonore da circa 15 anni: ecco quindi che nella zona industriale della città per il terzo anno si celebra la "sottocultura" psych con Goat, Gnod, White Hills, Woods, In Zaire e Lay Llamas, Hills, Amen Dunes e molti altri.

Riprendendosi dal vortice di musica psichedelica magari si ha voglia di concedersi qualcosa di più tranquillo e di tutt’altro genere: non si può fare a meno di iniziare di mattina la visita della città con il tour dedicato ai Beatles a bordo del classico black cab. Sono 3 ore di tour che passano per il quartiere di Penny Lane, il parco di Strawberry Fields, davanti alle case che ospitarono l’infanzia di George, John, Paul e Ringo, più altre tappe simboliche come Shelter in the Middle of the Roundabout, St Peters Church, Dovedale Tower, St Banabas, Elenor Rigby Tombstone. Quando si sale in cima al terminal della Liverpool Ferry si può notare che ogni scalino porta il nome di una canzone dei Beatles e conduce direttamente a una collezione di rare fotografie della band del ’63-’64, la Hidden Gallery.

Il pomeriggio può essere dedicato a quello che una volta era il luogo della prostituzione e della delinquenza, il quartiere più malfamato della città e che oggi ne è una delle attrazioni principali: si tratta dell’Albert Dock, dove i vecchi magazzini del porto sono stati riqualificati ed ospitano la Tate Gallery, la più importante galleria d’arte moderna della Gran Bretagna del Nord, il Museo dei Beatles e il Museo Marittimo, interessante per conoscere a fondo la storia mercantile di Liverpool. Qui si può pensare di sostare per la serata tanti sono i bar, i ristoranti, i pub e gli spazi dedicati al divertimento. Per chi ama la carne un ottimo indirizzo è il Miller & Carter (Atlantic Pavillion and Anchor Hall, Atlantic Dock; www.millerandcarter.co.uk), nota steackhouse della zona da cui si vede anche il mare.

Il giorno successivo si può andare alla scoperta degli altri simboli cittadini, come le cosi dette Tre Grazie, ovvero i palazzi del Royal Liver Building, con le torri gemelle, gli orologi e il suo mix di stile barocco, bizantino e moderno; del Cunard Building, costruito per ospitare la sede della compagnia di navigazione marittima Cunrad e del Port of Liverpool Building, edificato con l’intento di magnificare la potenza marittima della Gran Bretagna. Situate alle due estremità di Hope Street, le due cattedrali di Liverpool sono note per essere totalmente diverse tra di loro. La grande Cattedrale di culto anglicano è una delle chiese più belle del mondo: costruita in pietra arenaria venne inaugurata nel 1978, mentre la Cattedrale cattolica, chiamata l’Imbuto di Mersey per via della sua particolare forma, vanta un interno vastissimo con la luce che entra da ampie finestre blu. C’è poi la Walker Gallery, che ospita un’eccezionale raccolta di mostre permanenti e temporanee comprese opere di Rembrandt, Pussin e Dagas.

Il fiore all’occhiello per il pernottamento è lo splendido Hope Street Hotel (40 Hope Street: www.hopestreethotel.co.uk), il primo boutique hotel della città, che si trova nei pressi delle cattedrali e di fronte alla Philharmonic Hall: abbina comfort di ottimo livello a un servizio di classe. 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Regno Unito
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati