Cerca nel sito
Basilicata location film Eroe Salvatore Esposito Maratea

L'Eroe di Gomorra conquista Maratea

Salvatore Esposito è il protagonista di un dramma molto italiano girato in Basilicata.

Mescalito Film
È un po' il personaggio del momento, e per quanto tutti lo conoscano come Genny Savastano Salvatore Esposito si sta rivelando un attore vero, ben al di là del suo ruolo in Gomorra (la quarta stagione inizierà il 29 marzo su Sky Atlantic). Dopo i video social con Ricky Gervais e le tentazioni della commedia, oggi lo troviamo protagonista di L'Eroe di Cristiano Anania, film nel quale riprende un ruolo di grande intensità seppur molto diverso da quello che lo ha reso famoso. E nel quale lo vediamo aggirarsi in una delle location più belle della Basilicata.

Consigli.it per voi: Alla scoperta di uno dei gioielli della regione, Matera

In L'Eroe Salvatore Esposito è Giorgio, un mediocre quanto ambizioso giornalista trentenne. La cui vita cambia bruscamente quando il direttore del giornale decide di trasferirlo in una redazione di provincia. Dalla quale, proprio quando Giorgio crede di aver trovato una nuova dimensione di vita, il direttore del giornale gli annuncia il licenziamento. Solo lo scioccante rapimento per mano di ignoti del nipote della più importante imprenditrice locale restituirà a Giorgio il suo lavoro di corrispondente. Mentre l'intero paese si mobilita alla ricerca del "mostro"…



"L’idea del film nasce dalla necessità di raccontare una storia, allo stesso tempo realistica e metaforica, che tratti del rapporto sempre più malato e perverso generato dalla costante ricerca di informazione nella società contemporanea", spiega l'esordiente regista. Che dopo una gestazione - "lunga e travagliata" di tre anni, nell'ottobre del 2017 aveva scelto Maratea per le riprese della sua Opera Prima… "tre settimane", come da comunicazione della Lucana Film Commission, che dopo aver citato le altre location di Roma e Napoli, sottolineava come "diversi attori lucani fossero stati coinvolti in ruoli minori e numerose le maestranze locali impiegate nella produzione".

Consigli.it per voi: Nord, Sud, Est, Ovest con le guide giuste

Un set prestigioso, quello della 'Perla del Tirreno' in provincia di Potenza, che conferma il suo status di "città del cinema" dopo aver ospitato film come Trust di David Schwimmer, Tre tocchi di Marco Risi, Ustica di Renzo Martinelli o l'immancabile Basilicata Coast to Coast (e non Quantum of Solace, spesso citato a sproposito a causa di sopralluoghi effettuati prima delle riprese, che non si svolsero poi da queste parti). Ma che soprattutto rinnova il piacere di godere dell'eccezionale spettacolarità di certe ambientazioni naturali.

Un ulteriore elemento, poi, ha avuto non poca importanza nella scelta della cornice, il fatto che tutto "accada in una piccola provincia italiana", come evidenzia Cristina Donadio, la Scianel di Gomorra 3: "A volte le piccole province fanno da amplificatore a quello che è un andamento della società; paradossalmente lì tutto è sovradimensionato, anche le poche virtù e i molti vizi". "Si è scelto di ambientare la storia in un piccolo ed indefinito paese di provincia - le fa eco Anania, - per evidenziare come gli effetti di una bugia possano deflagrare ancor meglio in un contesto di totale conoscenza. Per raccontare un cambiamento lo si deve necessariamente seguire da vicino, pedinandolo alle spalle. Ed è proprio questa l'idea di regia che sta alla base della sceneggiatura e dello stile scelto, quasi documentaristico".

 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Italia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati