Cerca nel sito
Taiwan Silence Martin Scorsese Cina Giappone Taroko Park Taipei City

Le location di Taiwan danno corpo e anima al Silence di Martin Scorsese

Una storia non facile di fede e disperazione, quella ambientata in Giappone e inseguita per trent'anni dal regista italo-americano

01 distribution
Sono passati cinque anni dallo splendido Hugo Cabret e tre dal sorprendente The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese, ma la genesi del suo Silence parte dal 1989, quando dopo una proiezione de L’ultima tentazione di Cristo tenuta a New York ricevette in regalo dall'arcivescovo Paul Moore una copia dell'omonimo romanzo storico di Sh?saku End? sulle persecuzioni subite dai cristiani durante il periodo Tokugawa nella prima metà del XVII secolo in Giappone. Quella la storia alla base di una importante e profonda riflessione su fede e cristianità che purtroppo non ha potuto approfittare delle location originali nipponiche, trovando però una notevole alternativa in quelle identificate dal nostro Dante Ferretti nella vicina Taiwan.

Andrew Garfield e Adam Driver sono Padre Sebastião Rodrigues e Padre Francisco Garupe, i due sacerdoti portoghesi che nel XVII secolo intrapresero un lungo viaggio irto di pericoli alla ricerca del loro mentore scomparso, padre Christovao Ferreira (Liam Neeson), per smentire le voci sulla sua abiura e per diffondere il cristianesimo. Finendo per confrontarsi con i propri convincimenti, la propria missione e con una cultura da comprendere senza farsene schiacciare… Un'esperienza dura, per i personaggi della vicenda come anche per i loro interpreti, e per tutta la troupe impegnata nell'avventura.

"Nel corso degli anni credo di aver iniziato a lavorare alle scenografie di Silence cinque o sei volte - ricorda lo scenografo italiano, tre volte Premio Oscar. - Sono andato a Vancouver e in Nuova Zelanda per le locations, più di una volta, ma poi non è successo niente. Ma Marty era determinato a realizzare il film e finalmente ho potuto lavorare alle scenografie". Ricreando non solo ha ricreato il Giappone del XVII secolo, ma esprimendone l’atmosfera. "Il comfort non esisteva, ma erano perfette per il film, - è il commento di Adam Driver in merito, che considera il disagio patito - solo una piccola parte di quello che i due personaggi avevano sopportato in Giappone".

D'altronde Scorsese, la produttrice Emma Koskoff e altri membri chiave della squadra creativa del regista si erano subito resi conto che girare in Giappone sarebbe stato troppo costoso e, rivoltisi verso Taiwan, "vicina al Giappone dal punto di vista geografico - secondo il regista, subito convintosi… - anche il clima è simile, e i paesaggi erano proprio quelli di cui avevamo bisogno”. "Quel paese era l’unico posto in cui si poteva girare il film, - conferma la Koskoff, - la location perfetta in cui ricostruire il Giappone del XVII secolo per la varietà dei paesaggi e dei territori, per il talento del suo popolo e per le attrezzature cinematografiche disponibili a Taipei". E per il consiglio di Ang Lee, di casa da quelle parti per avervi girato il suo Vita di Pi.

Le riprese di Silence sono iniziate il 31 gennaio 2015 a Taipei, Taiwan, nei teatri della CMPC, dove Ferretti ha ricreato una sezione della colonia portoghese di Macao (che i tre ecclesiastici osservano dall'alto della scalinata, all'inizio del film) e la taverna di Macao dove incontrano per la prima volta Kichijiro. Ma il grosso delle riprese si è ovviamente svolto in esterni, a un’ora di viaggio da Taipei, nella zona montuosa di Jinguashi (per la sequenza della capanna del carbone) e nella vicina area di Tsenguanliaw (dove Ferretti ha ricostruito il villaggio di Tomogi). Successivamente l’unità si è trasferita a Hualien, dove Scorsese ha girato nel locale Toroko Park, nelle insenature rocciose di Shimen Beach e nelle grotte (la crocifissione di Ichizo e Mokichi, per esempio). Mentre a Niushan, sempre nella zona di Hualien, Scorsese ha girato il viaggio che padre Rodrigues compie da solo per raggiungere Goto, e nei pressi della città di Taichung, si è sfruttato lo stesso lago artificiale scavato per il film di Ang Lee per realizzare le scene dei viaggi per mare dei due gesuiti.
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione Taiwan
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati