Cerca nel sito
Canada location film veramente importa beneficenza Nova Scotia Halifax

La Nova Scotia ospita il film dedicato a Paul Newman

Quello che veramente importa: il messicano Paco Arango si spinge fino ad Halifax per realizzare un sogno, e sostenere un progetto incredibile.

Mediterranea
Di lui tutti ricordano le salse per insalata e le etichette con il disegno del suo volto, ma Paul Newman - oltre che un grande attore - fu anche un incredibile filantropo. E dal suo impegno trentennale in favore dei bambini malati, nasce il progetto del Serious Fun Children's Network, e la rete di villaggi vacanze per ragazzini che lo stesso due volte Premio Oscar lanciò. E che sono al centro dell'intento benefico alle origini del film Quello che veramente importa di Paco Arango.



Sullo schermo facciamo la conoscenza di Alec (Oliver Jackson-Cohen), impiegato inglese che vive riparando apparecchi elettrici per conto di una società sull'orlo della bancarotta. Frequenta donne già impegnate e conduce una vita a dir poco dissoluta. La sua esistenza è un disastro completo finché un giorno suo zio Raymond (Jonathan Pryce) gli propone di ripagare tutti i suoi debiti. In cambio, Alex deve tornare per un anno alla casa di famiglia, in Nuova Scozia. Una volta a destinazione, con l’aiuto di Cecilia (Camilla Luddington) prova a cercare un nuovo lavoro, quando scopre casualmente di avere il dono di guarire le persone, anche se è il primo a non crederci. Nella lotta per comprendere le sue capacità sarà aiutato da Abigail (Kaitlyn Bernard) un’adolescente malata di tumore, che gli mostrerà quale sarà la strada da percorrere.

Leggi anche: Calgary, da avamposto a terra di fortuna

Un viaggio emblematico, che è potuto iniziare grazie ai nuovi regolamenti dell'amministrazione della Nova Scotia e che hanno scatenato l'entusiasmo del regista messicano, lanciatosi in Canada per cercare le location dove avrebbe poi girato tra il 4 giugno e il 18 luglio del 2015. Un tour preliminare nel quale Arango rimase colpito dalla piccola Lunenburg, decidendo di farne la principale ambientazione del film insieme alla non lontana Halifax, sulle coste dell'Oceano Atlantico.

"È stato amore a prima vista. Paco si innamorò dell'architettura e della bellezza di Lunenburg appena arrivato" aveva raccontato il produttore Enrique Posner poco prima che i set si spostassero sulla parte più esterna della Contea omonima, dalle parte di Aspotogan, vicino St. Margarets Bay. E da quella zona viene anche il nome della giovane interprete del film, chiamata Abigail da una ragazza di diciotto anni morta nel reparto oncologico dell'ospedale di Halifax, al quale il regista aveva fatto una importante donazione, diventando un nome conosciuto in tutta la provincia atlantica canadese.



Figlio del milionario Plácido, Paco spiega di esser sempre stato un gran lavoratore. Come dimostra il suo curriculum… Presidente della fondazione Aladina, realizzata per aiutare i bambini malati di cancro ("Sono tutti figli miei. Sono l'uomo dei mille figli… e senza sposarmi!"), e dal 2008 membro della giunta direttiva del Serious Fun Children's Network di Paul Newman, dopo aver creato il centro Maktub di trapianto di midollo osseo nell'ospedale Niño Jesús di Madrid con i proventi dell'omonimo film, con Quello che veramente importa ha realizzato il primo film a scopo interamente benefico.

Leggi anche: Manuale delle giovani marmotte, un dono speciale

Il 100% degli introiti andranno infatti a organizzazioni dedite ad aiutare bambini in situazioni difficili e ai Dynamo Camp. Attualmente ne esistono 30 in tutto il mondo, che offrono gratuitamente programmi di Terapia Ricreativa a bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni, affetti da patologie gravi e croniche, alle loro famiglie e ai fratelli e sorelle sani. Le attività si svolgono presso Dynamo Camp e in Outreach in ospedali, case famiglia e a bordo del truck Dynamo Off Camp in tour nelle maggiori città italiane. Dal 2007, il network di Dynamo Camp - comprendente 158 ospedali e associazioni in tutta Italia - ha gratuitamente ospitato 7.607 bambini in programmi per Soli Camper, 7.269 bambini, ragazzi e genitori nei programmi per le famiglie e raggiunto 20.840 bambini in Outreach, offrendo così programmi di Terapia Ricreativa a oltre 35.000 persone.
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100