Cerca nel sito
Roma location film Paola Cortellesi Marocco Mosca Spagna Siviglia

La Mission Impossible di Paola Cortellesi, star senza confini

In Ma cosa ci dice il cervello vola da Roma a Siviglia, da Marrakech alla Piazza Rossa di Mosca.

Warner Bros / Claudio Iannone
Sono molti i riferimenti contenuti nel nuovo Ma cosa ci dice il cervello di Riccardo Milani, come gli scenari che attraversa. Una strana 'Spy Comedy' interpretata dalla moglie Paola Cortellesi, le cui doti di trasformismo sono messe a dura prova dai tanti personaggi dei quali la vediamo vestire i panni. In fondo, ancor più di quanto aveva fatto Melissa McCarthy in Ungheria, l'attrice romana si trova a dover affrontare tanto il traffico della Capitale quanto le emergenze per la sicurezza nazionale che la portano dalla Russia alla Spagna, passando per il Marocco.

Giovanna (Paola Cortellesi) è apparentemente una donna dimessa, noiosa, divisa tra il lavoro al Ministero, gli impegni scolastici di sua figlia Martina e gli sfottò della madre (Carla Signoris). Ma dietro questa facciata, in realtà è un agente segreto impegnato in pericolosissime missioni internazionali. In occasione di una rimpatriata tra vecchi compagni di liceo - i gloriosi "Fantastici 5" (Stefano Fresi, Vinicio Marchioni, Lucia Mascino, Claudia Pandolfi) - Giovanna ascolta le storie di ognuno e realizza che tutti, proprio come lei, sono costretti a subire quotidianamente piccole e grandi angherie al limite dell’assurdo. Con tutti i mezzi a sua disposizione e grazie ai più stravaganti travestimenti, darà vita a situazioni esilaranti che serviranno a riportare ordine nella sua vita e in quella delle persone cui vuole bene.



Ovviamente né il Ministero né la sede dei Servizi Segreti son quelli originali, visto che per il primo si è approfittato del palazzo dell'INPS di via Ciro il Grande e per l'Agenzia di Sicurezza Nazionale della Telecom di via di Macchia Palocco. Drammaticamente realistico è invece il traffico che la nostra eroina trova nel suo tragitto quotidiano, dalla zona della Portuense all'Eur. Facile riconoscere Largo La Loggia, in questo senso, meno forse via Caio Canuleio e via Sestio Calvinio o gli interni dell'appartamento di Via Candiglio, condiviso con la figlia Martina e l'esuberante genitrice.

Consigli.it per voi: Alla scoperta di Mosca, la città dei record

"È sempre un piacere lavorare con Paola e Riccardo, e tutti gli altri - racconta proprio la Signoris. - Anche se io li ho incontrati poco mentre loro andavano a Siviglia, in Russia, a Marrakech. A me non mi hanno portato fuori!". Un peccato, visto che molte delle sequenze più spettacolari si son svolte proprio sulla celebre Piazza Jamaa el Fna della città marocchina (dove vediamo la Cortellesi arrampicarsi sui tetti o impegnata in inseguimenti nei vicoli della Medina) e al Marrakesh Menara Airport. Della location moscovita si distinguono invece alcuni degli scorci più famosi della città e della Krasnaya Ploshchad, la Piazza Rossa, immortalata dal lato del Museo di Storia e del Cremlino (anche se l'hotel in questo caso è il Mediterraneo di via Cavour).

Consigli.it per voi: Marrakech, le meraviglie della città d’ocra

Pennellate che arricchiscono un affresco che il regista voleva concentrare sull'aspetto umano… "Raccontare il personaggio di una donna che aiuta il Paese in silenzio e i suoi amici, - spiega Milani, - significa voler mettere in scena donne e uomini di questo Paese che fanno questo tutti i giorni: nelle scuole, negli ospedali, nei tribunali e in tutti luoghi dove lavorano". Situazioni che sono state messe in scena grazie alle location romane del Liceo Tasso (per gli interni), della Margherita Hack che frequenza Martina e dell'Augusto di via Gela (la scuola dei cinque amiconi), dell'Istituto Clinico Cardiologico di via Alessandro Magno e dell'INMI Spallanzani



Il Daruma Sushi di viale America, il Tattoo Museum di via dei Campi Sportivi, il Centro Commerciale di Roma Est (dove Stefano Fresi regala una sua versione del mitico monologo di Cyrano) e il campo della Polisportiva De Rossi hanno completato il quadro. Insieme agli interni del leggendario Jackie O' e dell'Accademia Nazionale di Danza, o del Fantastico mondo del Fantastico del Castello di Lunghezza, che ospita la nostra Bella Addormentata. Senza dimenticare i necessari ringraziamenti all'Aeronautica Militare per aver messo a disposizione l'Aeroporto di Pratica di Mare e alla Scuola di Formazione e Aggiornamento SFAPP per il poligono dove la Cortellesi fa sfoggio della sua bravura.

"Siamo stai molto bene su questo set, abbiamo fatto anche questa gita a Siviglia… - ha concluso lapidaria Lucia Mascino. - Che mi ricorda tanto Ascoli Piceno, io continuo a dirlo!". Certo, dopo averla vista uscire dal ristorante El Giradillo di Plaza Virgen de los Reyes, di fronte all'imponente Arcidiocesi locale, ed esser passata dall'Aeroporto Santa Justa alla Torre dell'Oro sul Guadalquivir alla Plaza de España vista anche in Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni… risulta difficile prenderla sul serio.
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100