Cerca nel sito
Groelandia viaggio avventura con gli esquimesi

La Groelandia si scopre in slitta con gli Esquimesi

La maggiore isola del pianeta è protagonista di un viaggio affascinante che prevede spedizioni di caccia con gli husky

Slitta trainata da cani in Groelandia<br>
© I Viaggi di Maurizio Levi
Spedizione con husky, Groelandia
Non tutti amano il freddo, il ghiaccio e l’inverno perenne. Ma per chi ha voglia di lasciarsi incantare da panorami unici al mondo e vivere un’esperienza davvero fuori dall’ordinario la destinazione da scegliere è la Groelandia, l’isola più grande del mondo, ubicata molto più vicino all’America settentrionale che non all’Europa, a cui appartiene essendo uno stato semiautonomo federato della Danimarca.

PERCHE’ ANDARE Grande sette volte l’Italia, la Groelandia è il paese dove risulta stabilmente il freddo perenne (le temperature che si arrivano a registrare toccano anche i 60° sotto zero). Solo i veri appassionati di avventure e di esperienze fuori dal comune possono godere del vero spirito di una realtà tanto diversa dalla nostra, ma avendone la possibilità un viaggio a queste latitudini garantisce emozioni che rimarranno indelebili per il resto della vita, soprattutto se ad accompagnare i più intrepidi durante il viaggio sono i veri esquimesi.

Leggi anche: ATAA, LA DISKO BAY PER POCHI

DA NON PERDERE Per proiettarsi in un’altra dimensione si può partecipare ad una trasferta di caccia di esquimesi sulle loro caratteristiche slitte trainate da mute di cani. Si tratta delle tradizionali spedizioni di caccia compiute dagli inuit con i loro husky nelle sperdute lande ghiacciate della Groenlandia artica, portando sulle slitte tutto il necessario per sopravvivere per parecchi giorni in un ambiente decisamente ostile. Durante il tragitto si rimane folgorati  dalle coste frastagliate e dal loro fitto intrico di fiordi e di isolotti incorniciati da enormi iceberg galleggianti.

CON CHI ANDARE L’operatore milanese “I Viaggi di Maurizio Levi”, specializzato in itinerari di scoperta a valenza ambientale e etnografica negli angoli più remoti del pianeta, propone come novità assoluta la partecipazione ad una vera spedizione di cacciatori esquimesi di cinque giorni nella regione artica a nord di Quaanaaq, l’insediamento più settentrionale del mondo e l’ultima Thule degli esploratori artici, a bordo delle loro veloci slitte trascinate sul ghiaccio da mute di cani husky. Da Milano si vola, via Copenhagen, a Illulissat, piccola cittadina dalle case di legno dai colori vivaci, e si raggiunge in volo Quaanaaq, sorvolando gli infiniti ghiacciai della Groenlandia centro-nord, regno del mastodontico orso polare. Da qui si parte con cani e slitte verso nord, per un’avventura unica e indimenticabile alla scoperta del continente bianco, superando il fiordo di Robertson, le montagne di Siorapaluk e Neqé e Kap Powell, con unici possibili compagni di viaggio volpi, orsi, lupi, foche dagli anelli, trichechi, narvali, beluga e piccoli uccelli marini. Si dorme in tende riscaldate sulle slitte (una persona per slitta), oppure in minuscole capanne dei cacciatori; i pasti si basano su prodotti liofilizzati e disidratati. Considerate le particolari condizioni ambientali, si tratta ovviamente di un viaggio impegnativo, ma alla portata di tutti, purchè dotati di un notevole spirito di adattamento. Le uniche partenze previste sono il 4 e 11 maggio 2015; la durata del viaggio è di 12 giorni di cui 5 di spedizione e nella quota di 5640 euro in doppia sono compresi: voli di linea Iceland Express da Milano e altre città, pernottamenti nei migliori alberghi esistenti con pensione completa (esclusi alcuni pasti), accompagnatore italiano.

Leggi anche: ILLULISSAT, LA MICRO-METREPOLI DELLA DISKO BAY

COSA PORTARE Le temperature medie  in maggio oscillano tra – 5 e – 15° C, ma per l’assenza di umidità nell’aria non si percepisce il freddo come da noi. Bisogna comunque munirsi di un abbigliamento per il grande freddo che comprenda maglia termica sintetica, calzamaglia, pile, parka con cappello, guanti, stivali caldi, sciarpa, copricapo invernale.

CURIOSITA’ La Groenlandia è la terra degli Inuit,  gente di origini mongoliche emigrati a queste latitudini dall’Asia centrale ancora in epoca preistorica. Di bassa statura, tozzi, con arti corti, faccia appiattita ed occhi a mandorla, fino a pochi decenni fa erano cacciatori e pescatori nomadi vestiti di pellicce di animali che vivevano d’estate sotto tende di pelli e d’inverno negli igloo. Cacciano renne, caribù e grandi mammiferi marini, spostandosi a terra su slitte trainate da mute di cani e in mare su kayak di pelli. Taciturni e solitari, vivono in piccole famiglie assai solidali le une con le altre, sanno sfruttare con perizia ogni risorsa offerta da un ambiente povero e ostile, rispettano con rigore la natura, sono animisti con ottime conoscenze astronomiche e si orientano con le stelle.

*****AVVISO AI LETTORI******  
Segui le news di Turismo.it su Twitter e su Facebook
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Groenlandia
Seguici su:
Altri luoghi da visitare
Privacy | Cookie Policy | per la pubblicità | Turismo.it - Nexta Srl © 2000-2019. Tutti i diritti sono riservati. P. I. 0697989100