Cerca nel sito
istanbul marmaray attrazioni itinerari

Istanbul: poesia di mare e cemento

48 ORE - Il nuovo tunnel Marmaray che attraversa il Bosforo ad oltre 60 metri di profondità può essere un'ottima occasione per visitare la città e scoprire la sua storia ricca di fascino.

Le 25 mete imperdibili - Istanbul
Shutterstock
La lunga ed affascinante storia di Istanbul annovera una nuova data da ricordare. Quella del 29 ottobre 2013, giorno in cui è stato inaugurato il tunnel Marmaray, l'affascinante passaggio sottomarino che attraversa il Bosforo collegando la parte europea e quella asiatica della città. Si tratta della realizzazione di un progetto che affonda le proprie radici all'epoca del sultanato di Abdulmecid il cui sogno, sin dal 1860, era quello di collegare due continenti con un tunnel sottomarino. Oggi, a distanza di quasi due secoli, il desiderio si è avverato ed è con estrema soddisfazione che il premier Erdogan insieme al presidente Gul hanno inaugurato il frutto di circa dieci anni di lavoro del consorzio turco-giapponese che ha costruito il Marmaray.

REPORTAGE: ISTANBUL, ALLA RICERCA DELLA TRISTEZZA PERDUTA

Si tratta di un'opera imponente divenuta realtà grazie alla realizzazione di una struttura in cemento ignifugo lunga 1.387 metri posata in una trincea poi ricoperta, la cui profondità massima raggiunge i 62 metri. Al tratto sottomarino se ne aggiunge uno terrestre di più di 12 chilometri per un totale di 13 chilometri percorsi dai treni della metropolitana in circa 18 minuti. Per attraversare il Bosforo occorrono 4 minuti ed è per questo che la sua campagna promozionale recita “2 continenti in 4 minuti”. Il Tunnel della Manica è, in effetti, ben più lungo ma il Marmaray fa parte, in realtà, di un progetto molto ambizioso che prevede la realizzazione, entro il 2016, di una rete ferroviaria di 75 chilometri che collegherà la periferia orientale a quella occidentale. L'aggiunta di un terzo binario per l'alta velocità, inoltre, potrebbe trasformare Istanbul nell'importante punto di snodo di una nuova Via della Seta che si estenderà su rotaia da Londra sino a Pechino.

LE FOTO: IL TUNNEL CHE AVVICINA LE DUE ISTANBUL

La curiosità di attraversare il Bosforo nel tunnel sottomarino potrebbe rappresentare, dunque, un'ottima “scusa” per visitare Istanbul, una meta dalle atmosfere accattivanti e dalla storia millenaria. Raggiungere per la prima volta la bellissima cità turca o tornarvi per immergersi nuovamente nelle sue inconfondibili suggestioni, è sempre un'ottima scelta che permette di scoprire gli aspetti più affascinanti di una destinazione che non delude mai.


LE FOTO: ISTANBUL, POESIA DI MARE E CEMENTO

La mattina del primo giorno volerà in un battibaleno, circondati dalle bellezze del quartiere storico di Sultanhamet. Qui sono concentrate alcune delle più preziose testimonianze storiche custodite dalla città, prima su tutte Aya Sofia, la basilica con i minareti, e la suggestiva Moschea Blu. All'uscita non bisogna dimenticarsi di passare per l'Ippodromo, con l'obelisco di Teodosio, la colonna serpentina e la colonna di Costantino. Non lontano merita una visita anche la splendida Cisterna Basilica. Prima della meritata pausa pranzo non si può rinunciare a scoprire il bellissimo Palazzo Topkapi, con annesso il suo harem. Per il pranzo si può sbocconcellare uno sfizioso balik ekmek, il tradizionale panino di pesce grigliato, da gustare a Karakoy, al di là del ponte di Galata, da cui si può facilmente raggiungere a pieda la spettacolare Torre di Galata. Ci si trova, a questo punto, nella zona moderna della città, da conoscere passeggiando per la vivace via pedonale di Istiklal Cladessi. Prima di prendere la via del ritorno, ci si può fermare per la cena e per la serata in uno dei numerosi e frizzanti locali della zona.

Il secondo giorno può iniziare solcando le acque del Bosforo con una suggestiva crociera in partenza da Eminonu. Scendendo all'ultima fermata ci si può concedere un'interessante visita al Castello Ceneviz dal quale si può godere di una vista panoramica da levare il fiato. I dintorni sono ricchi di ristorantini, ideali per un ottimo pranzo a base di pesce prima di fare ritorno in città. Da Eminonu si può facilmente raggiungere la magnifica Moschea Nuova, da molti considerata la più bella della città. E' arrivato il momento di visitare due delle attrazioni più famose e caratteristiche di Istanbul, il Gran Bazar e lo Msir Carsisi, il Bazar delle Spezie. Si tratta di luoghi di grande folklore dove concedersi, allo stesso tempo, piacevoli momenti dedicati alla cultura ed allo shopping tradizionale. Prima della cena, merita una visita la bella Moschea di Solimano dalla quale si può godere di una bellissima vista di Istanbul illuminata. Prima di rientrare in albergo, una tappa in fumeria per provare il narghilè potrebbe essere un'idea piacevole e particolare per concludere in bellezza la serata.

L'ultimo giorno, prima di ripartire, si potrebbe sperimentare il rituale di benessere per eccellenza, un rigenerante hammam che permetterà di scoprire in maniera piacevole come ci si rilassava in Turchia sin dall'Antichità. Un pranzo veloce a Eminonu contemplando il Bosforo, potrebbe essere, infine, un modo assai gradevole di salutare questa splendida città dai mille volti e dalle infinite bellezze.

 ISTANBUL: LA GUIDA VIAGGI


Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati