Cerca nel sito
Istanbul: in battello sul Bosforo

Istanbul: in battello sul Bosforo

Una domenica in gita sul battello tra case ottomane e kebab di pesce. Un rito da non perdere.

Istanbul Moschea Blu
David Berry ©Shutterstock
E’ un rito. Talmente amato dalle famiglie turche da aver coniato l’espressione Bosforizzarsi per indicarlo. La gita domenicale in battello sul Bosforo è imperdibile quando si visita Istanbul. La città tra i due continenti si affaccia su questo lembo di mare da sempre al centro delle grandi navigazioni.  E così per sentirsi un po’ come dei locali basta andare una domenica mattina a prendere il battello nell’affollatissima piazza Eminönü e lasciarsi trascinare nell’esperienza di vedere la città dal mare. C’è anche chi sceglie di partire dalla zona di Ortakoy, con i suoi deliziosi caffè e i ristoranti, molto amato dagli artisti, ma lo spettacolo di Eminönü è imperdibile, con il via vai di gente, i mezzi pubblici rumorosi e i caratteristici baracchini dove fare la fila per assaggiare il balik kebab o kebab di pesce.

Dal battello si gode una vista unica verso lo splendido Topkapi, il palazzo del sultano. Il complesso è in posizione strategica sul basso promontorio dove si incontrano le acque del Corno d'Oro e del Mar di Marmara. Ma sopra la collina, si vedono anche la Moschea Blu e  Hagia Sophia o Santa Sofia, un tempo chiesa cristiana, poi moschea e oggi museo.

Ci sono diversi tipi di tour in battello. Il modo migliore è farli con la compagnia della città di Istanbul, la ehir Hatlar si risparmia e si evitano i tour privati, molto più costosi e sostanzialmente uguali. Il tragitto più lungo fa 5 fermate intermedie partendo da Eminönü la mattina alle 10.35 e alle 13.35, questa seconda corsa si fa solo dal 1 aprile al 1 novembre. L’arrivo è nel piccolo Anadolu Kava (sulla sponda asiatica), dove si ferma per tre ore e poi riparte.

Le sponde del Bosforo sono il luogo ideale per ammirare le più belle case ottomane di Istanbul. Chiamate Yali, rappresentano un elegante esempio di architettura in legno. La maggior parte sono restaurate e appartengono a ricche famiglie turche che, soprattutto nel periodo estivo, trascorrono qui i weekend. C’è anche un tour più breve con partenza da Eminönü alle 14.30: dura due ore e ferma solo a Üsküdar, sul lato asiatico, alle 14.50, per chi vuole scendere ed esplorare questo quartiere all'ingresso del Bosforo. Il consiglio però è di  prendere il tour più lungo e dedicare l’intera giornata a questo tratto di mare.

Anadolu Kava  è un delizioso paesino famoso per i suoi ristoranti di pesce fresco. Si scelgono dai banchi e vengono cotti su enormi griglie. Ma il vero rito di tutte le famiglie turche è quello di salire fino alle rovine del Castello di Yoros dove ci si può stendere sul prato e fare un pic-nic. E allora vale la pena portarsi dietro da mangiare o acquistare il tipico balik kekab. Dal Castello di Yoros nelle belle giornate di sole si può vedere sotto ai propri piedi l’incontro tra le acque del Bosforo e quelle del Mar Nero. Una autentica emozione.

Leggi anche
Istanbul, città dai mille volti
Istanbul tra bazar e hammam
Le moschee di Istanbul


Vai alla GUIDA ISTANBUL
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per regione
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati