Cerca nel sito
Bram Stoker Dracula 100 anni morte viaggi Transilvania

In Transilvania rivive il mito di Dracula

Per ricordare i cento anni della morte di Bram Stoker, creatore di Dracula, ecco un tour tra i luoghi resi celebri dal vampiro

Bram Stoker scritta
©Creative-wallpapers.com
Non bisogna necessariamente aspettare che arrivino Halloween o le atmosfere novembrine per paralare di Dracula, anche perché quest’anno, esattamente il 20 aprile, ricorrono i cento anni dalla morte del suo ideatore, Bram Stoker.

Lo scrittore irlandese, nato a Clontarf, un villaggio costiero vicino a Dublino, l’8 novembre del 1847 e morto a Londra il 20 aprile del 1912, ebbe un’infanzia piuttosto infelice. Pare, infatti, che fino all’età di otto anni, a causa di un cagionevole stato di salute, fu incapace di alzarsi in piedi: la mancanza di forze e la malattia segnarono la sua attività letteraria e non a caso due temi fondamentali del suo celebre romanzo sono il sonno senza fine accompagnato dalla resurrezione dei morti.

Ma quando guarì tutti, compresi i medici che lo avevano in cura, gridarono al miracolo e da quel momento riuscì a condurre una vita normale, arrivando addirittura a primeggiare nelle attività sportive durante gli anni trascorsi a Dublino, dove frequentava l’Università.

L'ispirazione per il celebre personaggio con cui divenne famoso in tutto il mondo gli venne grazie ad un incontro, avvenuto nel 1890, con il professore ungherese Arminius Vambéry, che gli narrò la leggenda del principe rumeno Vlad Tepes Dracul, conosciuto come Dracula, trasfigurato poi da Stoker nel Conte Dracula. Lo scrittore impiegò sette anni per elaborare il libro, dopo attenti studi sulla cultura e la religione  dei Balcani, nonché sulla figura storica del conte Vlad Tepes.

Chi nutre una passione particolare per l’horror o semplicemente è spinto dalla curiosità di vedere i luoghi dove ha vissuto il personaggio divenuto poi il Conte Dracula, la regione della Transilvania, in Romania, è pronta ad accogliervi per l’avventura, anche per celebrare i cento anni della morte di Bram Stoker. Numerosi tour operator, italiani o locali, organizzano vari itinerari, e non mancano voli low cost.

Si inizia dalla “piccola Parigi" ovvero Bucarest, e si arriva a Sighisoara, soprannominata "La Perla della Transilvania", una deliziosa città medioevale divenuta uno dei monumenti del Patrimonio Mondiale dell'Umanità dell'UNESCO. Secondo la leggenda, è qui che nacque Dracula: a testimoniare la sua presenza una statua che celebra il famoso  “re dei vampiri”. Si visita la Casa Vlad Dracul in cui abitò tra gli anni 1431-1435, prima di diventare principe della Valacchia.

Altro luogo legato a Vlad è vicino a Brasov, città dal pittoresco aspetto medioevale, dove si trova il Castello di Bran che, in realtà, è solamente una delle residenze del principe, quella adibita alla caccia. Si tratta di uno dei castelli più pittoreschi della Romania, un'imponente costruzione che sembra spuntare dalla roccia e, nelle giornate di nebbia, assume un aspetto particolarmente tetro.

Imperdibile anche la tappa al Monastero di Snagov, situato su un'isola nel Lago di Snagov, dove al suo interno si trova una tomba che si ritiene essere quella dove venne sepolto Dracula, e la pittoresca Sibiu, Capitale Europea della Cultura nel 2007.

I LUOGHI DI DRACULA: LE FOTO


Vai alla GUIDA ROMANIA

Leggi anche:
A casa di Dracula
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Romania
Seguici su:
Le Offerte della Settimana
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati