Cerca nel sito
California location film Hotel Artemis Rat Alley Downtown Los Angeles

In fuga dalla Los Angeles del futuro nell'Hotel Artemis

Jodie Foster è l'infermiera-direttrice del violento e claustrofobico film di Drew Pearce.

01 Distribution
Una Los Angeles affascinante, d'altri tempi, almeno per i riferimenti che suggerisce nelle poche sequenze realizzate all'aperto. Siamo più dalle parti della lunga Notte del Giudizio vista in The Purge che del futuro immaginato dai due Blade Runner, eppure la vicenda raccontata in Hotel Artemis dall'esordiente Drew Pearce è particolarmente cupa. Inevitabile, svolgendosi quasi completamente all'interno della struttura che dà il titolo al film. Quella ricostruita nei Los Angeles Center Studios di S. Bixel Street, in piena Downtown, e che nasce da molto lontano...

Consigli.it per voi: La quintessenza del Noir nei romanzi di Chandler

La finzione ci porta in un mercoledì notte del 2028, quando le strade del centro di Los Angeles sono tutte bloccate da tafferugli e manifestazioni. Le forze di polizia della città stanno respingendo violentemente i manifestanti che si sono tinti di blu per perorare la loro unica richiesta: acqua pulita. In tutto questo inferno, si aggirano quattro uomini, con i volti coperti da maschere a teschio, che hanno appena fallito un colpo in banca finendo in uno scontro a fuoco con la polizia. Feriti e senza altre opzioni, l'unica speranza di sopravvivere è raggiungere prima possibile uno stabile art déco di 13 piani, un tempo un prestigioso hotel ma adesso un luogo sicuro che nasconde all'attico un ospedale molto esclusivo, riservato ai soli criminali. A gestire la struttura è una donna, conosciuta da tutti come L'Infermiera.



"Sono cresciuta qui, - ha affermato l’attrice parlando della Los Angeles creata dal regista. - In Hotel Artemis c’è una vena nostalgica che condivido con Drew. Ha creato qualcosa di così originale, così visivamente disarmante da farti vedere Los Angeles in un’ottica completamente nuova”. "Los Angeles ha una sua personalità - ha raccontato il regista. - Qualcuno una volta l’ha definita come 'una città di porte' perché a differenza della Costa Orientale o dell’Europa non hai idea di quale sia l’interno di un posto basandoti sulla sua estetica esteriore. Il ristorante più alla moda potrebbe stare dietro la porta di un centro commerciale fatiscente, e per me in questo c’è qualcosa di eccitante. Tutto ciò si riflette in Artemis, che potremmo definire sicuramente un film di porte".

Consigli.it per voi: Michael Connelly e i suoi antieroi nati a Los Angeles

Un film "di porte" che, a partire dal 1 giugno 2017, Pearce ha girato nelle location di downtown per 33 giorni. Non sarebbe potuto essere altrimenti, d'altronde! "Niente altro assomiglia a L.A. - ha detto il produttore Marc Platt (non a caso lo stesso di La La Land). - Los Angeles è come se fosse un personaggio di questa storia e vogliamo che il pubblico la percepisca nel modo più veritiero possibile". “Mi piace il fatto che la storia relativamente breve della città, rispetto a una Londra, ne renda il background più accessibile - ha aggiunto ancora il regista scozzese, dichiaratamente innamoratosi della città dopo l'esperienza fatta per Iron Man 3. - Nell’Artemis, puoi vedere cento anni di vita riflessi in un edificio e la stratificazione di quella storia è tutta fisicamente visibile, proprio come nella città stessa".



Dal primo ciak, battuto nel caveau di una banca in South Spring Street, l'intero film è stato girato in centro… A parte un giorno negli studi della Universal e un altro al molo di Santa Monica. Per il resto le macchine da presa sono arrivate sul tetto dello storico Rosslyn Hotel sulla West Fifth Street e nella celebre 'Rat Alley' dietro South Hill Street, o la South Main Street utilizzata per le scene della sommossa (approfittando di alcune notti d'estate). Mentre per gli interni - le suite dell’hotel, i corridoi, gli ascensori, il bar, la sala giochi e il foyer - lo scenografo Ramsey Avery si è espressamente ispirato all'Hotel Alexandria. "L’hotel più elegante di Los Angeles, nel 1906 - come lo descrive lui stesso. - Il posto dove fermarsi, se andavi in centro all'epoca".

 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese USA
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati