Cerca nel sito
Tim Burton Belgio location film Miss Peregrine ragazzi speciali Blackpool

È in Belgio la casa dei ragazzi speciali di Miss Peregrine

Tim Burton torna nella vecchia Europa per le location più magiche del suo nuovo film

Walt Disney
Lo abbiamo visto passare con agilità dal Paese delle Meraviglie di Alice alla California della Margaret Keane di Big Eyes, ma è indubbio che nell'immaginario collettivo il nome di Tim Burton sia più legato a una cornice come quella vista nel suo Dark Shadows: cupa, ma non priva di humor, vintage e possibilmente con radici letterarie… Una combinazione che non a caso ritroviamo nel suo nuovo film Miss Peregrine - La casa dei ragazzi speciali, adattamento cinematografico del quasi omonimo romanzo del 2011 scritto dallo statunitense Ransom Riggs.

In realtà la storia del giovane Jake parte dalla Florida (dove Burton aveva già girato Edward mani di forbice), dalla casa di Harbor Bluffs (Largo), dove l’amato nonno gli lascia gli indizi di un mistero che attraversa mondi e tempi alternativi a partire dal bosco adiacente Sun City Center a sud di Tampa. Da qui il ragazzo finirà con il ritrovarsi in un luogo magico e segreto noto come 'La casa per bambini speciali di Miss Peregrine'. Sarà solo l'inizio del mistero legato agli abitanti della casa, personaggi memorabili e dalle speciali abilità, ma anche con potenti nemici. Un pericolo, in agguato, che permetterà a Jake di scoprire quanto la sicurezza possa essere un’illusione e di imparare a guardare oltre le apparenze… e dentro di sé.

Inevitabile che proprio LA 'Casa' tenuta della magnetica proprietaria interpretata da Eva Green fosse un elemento chiave nel racconto, soprattutto per la capacità di trasportarci fuori dal tempo e dallo spazio per rendere credibile il mondo immaginato da Burton. Una casa che è stata trovata in Belgio, nei pressi di Anversa, nelle Fiandre, a Brasschaat e che chiunque potrà vedere cercando il Kasteel Torenhof in Bredabaan 506. "Tim voleva che assomigliasse a una casa - ha dichiarato lo scenografo Gavin Bocquet. - Ma la maggior parte di quelle che avevo visto prima di raggiungerlo non davano affatto quella sensazione, troppo cittadine o simili ai castelletti cui siamo abituati, non come quelli del Belgio".

In passato di proprietà di un noto produttore di biscotti, la struttura aveva - secondo il regista - la giusta "personalità" per diventare la casa di Miss Peregrine… "Dava proprio la sensazione di essere una casa per ragazzi speciali - come lui stesso ha spiegato. - Aveva un'aria un po' logora ma al tempo stesso confortevole e accogliente. Sembrava un posto in cui ai ragazzi sarebbe piaciuto vivere". Come hanno fatto i vari interpreti a partire dalla fine del febbraio 2015, approfittando degli esterni della magione, ma anche - per alcune scene - della sala da pranzo, la cucina e il salotto, che realmente conteneva oggetti e mobili degli anni '30 e '40 (ai quali ne sono stati aggiunti altri, originali, acquistati su ebay), che Burton considerava indispensabili.

Un incanto che rapisce, e che - anche grazie a una tale estrema cura dei dettagli - rende credibile anche il resto dello sviluppo, quello della parte finale del film, all’insegna delle scene d’azione, girata sul molo di Blackpool nel Lancashire e nel circo in stile vittoriano della Blackpool Tower. Che, rinomata stazione balneare di quell'epoca e negli anni '60 divenuta meta delle vacanze degli operai locali, fa da sfondo alla battaglia tra i Vacui e gli Speciali. Come d'altronde l'intero borgo costiero di Portholland in Cornovaglia si è prestato a dar vita al gallese Cairnholm dove si suppone essere l'affascinante costruzione al centro della vicenda.
 
Saperne di più su OLTRECONFINE
Correlati per Paese Belgio
Seguici su:
Natale
Altri luoghi da visitare
Chi siamo | Privacy | Cookie Policy | Copyright © 2019 GEDI Digital S.r.l. Tutti i diritti riservati